Home Serie A Sassari. Michele Vitali: “La forza della Dinamo è il gruppo”

Sassari. Michele Vitali: “La forza della Dinamo è il gruppo”

0

L'immagine può contenere: 1 persona

Intervista a Michele Vitali, guardia del Banco di Sardegna Dinamo Sassari, per La Nuova Sardegna.
Un estratto delle sue dichiarazioni.

“Non c’è un singolo, c’è la squadra e a seconda della situazione che si crea e del quintetto che è in campo si va dal giocatore che è più caldo. Siamo tutti pronti a dare il nostro contributo, la fiducia non manca mai, neppure nei momenti di appannamento: in quei frangenti continuiamo a giocare, continuiamo a provare a fare le cose che sappiamo fare. La nostra forza sta nel fatto che ognuno di noi può diventare protagonista”.

La vittoria di domenica contro la VL Pesaro.
“La gara era scivolosa per tanti motivi. Intanto era la quarta partita in poco più di una settimana. Poi prima della palla a due c’è stata la cerimonia per la Supercoppa che, almeno personalmente, è stata molto emozionante. Però siamo stati molto bravi, perché abbiamo dato quasi subito un indirizzo al match. Pesaro all’inizio ha risposto bene, ma abbiamo via via aumentato l’intensità. Al rientro in campo dopo l’intervallo siamo partiti molto forte, abbiamo mandato un messaggio ai nostri avversari e abbiamo fatto capire volevamo chiuderla lì”.

Un precampionato con acciacchi e assenze varie: una preparazione decisiva per Vitali.
“La settimana prima di Bari è servita molto e la Supercoppa ci ha portato tanta fiducia. Durante il precampionato paradossalmente può essere più utile perdere, perché così hai la possibilità di andare a lavorare là dove ti accorgi di avere problemi. Abbiamo lavorato tanto anche quando eravamo incompleti, e dal momento in cui è iniziata la stagione ci siamo messi sotto per cercare di tirare fuori il meglio. Tra l’altro in precampionato abbiamo disputato tante amichevoli contro squadre di alto livello, in qualche caso il livello di agonismo era simile alle partite vere. Tutte esperienze utilissime per crescere e testare la mentalità del gruppo”.