Sassari cerca di volare ancora, Pesaro cerca di bloccarla:: il preview

Turner Elston Pesaro  vs Sacchetti Brian Sassari

La vincitrice della coppa Italia contro il fanalino di coda della LegaA, una gara chiusa sulla carta, ma che in realtà nasconde 40 minuti di incertezza.

Sassari ospita Pesaro, in quella che rappresenta la tipologia di partita più odiata dal coach di casa Meo Sacchetti; nonostante ci siano 14 punti di differenza in classifica e la Dinamo stia vivendo un gran momento di forma, la differenza vera sarà data dalla testa con cui si affronteranno i 40 minuti sul parquet.
Sassari si presenta senza Devecchi, jolly difensivo, che ha accusato un problema muscolare, che gli farà perdere non solo la partita di domani, ma anche l’andata degli ottavi di Eurocup contro l’Alba Berlino; Pesaro dovrebbe sbarcare a Sassari al completo, anche se nello scrimmage infrasettimanale con Forlì Dell’Agnello ha dovuo rinunciare a Pecile Dordei ed Anosike.
Proprio il centro statunitense, con Trasolini potrebbe rappresentare l’ago della bilancia della gara, perché, se dal punto di vista degli esterni, il talento di Sassari è distributio fra diversi giocatori, vedi cugini Diener e M.Green, la situazione lunghi per la Dinamo non è alrettanto rosea, soprattutto quando vi è necessità di un 5 di ruolo. Nello specifico la Dinamo non è corta di soluzioni e spesso opta per quintetti privi di un vero pivot, sfruttando la grande capacità di C.Green di variare il suo gioco offensivo sia vicino che lontano da canestro, ma un Gordon non pienamente in forma che sta ricompletando il suo processo di inserimento negli schemi Sassaresi, un Eze fermo per metà stagione e un Tessitori in grande crescita, ma sul quale non si vuole caricare eccessive responsabilità, possono dare spazio ad una bella prestazione dei lunghi pesaresi.
Facile a dirsi, molto difficile a farsi però, perché in più di un occasione Sacchetti ha optato per un quintetto con tre piccoli più un 4 mobile come Thomas, o una doppia ala forte, sempre con C.Green da centro; una soluzione che, qualora i lunghi avversari non siano capaci di difendere anche lontano da canestro o reggere i cambi, potrebbe portare Dell’Agnello ad adattarsi, pagando in termini di soluzioni offensive.
L’assenza di uno specialista difensivo come Devecchi, però riduce le rotazioni dei piccoli, nonché lascia più spazio alle soluzioni in isolamento degli esterni biancorossi, vedremo quindi se Petty, Pecile e soprattutto un caldissimo Turner post derby sapranno approfittarne.
Gradito ritorno al PalaSerradimigni, che appluadirà con piacere la visita di Dordei, ex biancoblu, che per due stagioni sotto la guida di Cavina, ha raccolto gli applusi del pubblico Sassarese, prime stagioni di un cambio di mentalità fra i sardi che ha portato ai risultati  attuali.
Non solo Basket durante la gara, durante l’intervallo andrà in scena la presentazione del flash mob dal titolo “L’amore ha l’amore come solo argomento”, iniziativa dedicata al NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE, campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in vista della festa dell’8 Marzo dedicata appunto al gentil sesso; nel frattempo durante la settimana anche due compleanni in casa Sassari, con le candeline soffiate da Thomas e T.Diener.
Palla a due alle 18:15 al PalaSerradimigni, dirigeranno la gara, i signori Cerebuch, Lo Guzzo e Di Francesco, per i tifosi della VuElle, sarà disponibile la diretta in ambito locale su TVRS.

Pesaro per non fare del derby l’unico appiglio della risalita
Sassari per continuare a volare

Basketitaly.it – riproduzione riservata.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *