fbpx

Roma-Venezia, Calvani: “Partita insidiosa, necessario avere la giusta mentalità”

Anticipo serale per la Virtus Roma, che stasera alle ore 20,30 accoglierà l’Umana Reyer Venezia tra le mura del Palazzetto dello Sport nella sfida valida per la 23° giornata di Serie A BEKO.
La squadra di coach Mazzon, nonostante lo stop casalingo della scorsa settimana contro Milano, è in piena corsa playoff e vorrà vendicare la sconfitta 67-75 maturata nella sfida del Taliercio.

Roma, dopo la bella vittoria di lunedì a Siena, vuole proseguire la striscia di tre successi consecutivi per rimpolpare il margine sulle inseguitrici e consolidare la sua posizione in ottica playoff. La squadra si è allenata a ranghi completi a partire da mercoledì e tutti gli effettivi saranno a disposizione per la gara. Da segnalare che Datome è a -9 punti dai suoi 2000 in Serie A (esordì il 12 ottobre 2003, Siena-Pesaro).

Queste le parole di coach Calvani alla vigilia: «Arriviamo alla partita con Venezia dopo il buon risultato di Siena, abbiamo messo in classifica altri due punti importanti in chiave playoff. La partita con Venezia sarà insidiosa: si tratta di una squadra con grande talento contro la quale non puoi permetterti di difendere 20-22 secondi, perché fino alla fine ha la capacità di trovare un canestro. La Reyer ha un talento incredibile, con giocatori importanti che sanno prendersi più responsabilità di altri ma nel complesso ha dimostrato di riuscire a trovare un apporto concreto da tutti gli effettivi. Domani ci aspetta un impegno gravoso, sarà necessario avere la giusta mentalità per affrontare una squadra con tanta qualità, per cui non c’è una ragione valida per entrare in campo senza la giusta attenzione. Dalla partita di Siena oltre i punti in classifica portiamo via un inizio estremamente positivo, nel quale ci siamo trovati a controbattere la qualità e le capacità di Siena in attacco, li abbiamo fronteggiati con un primo quarto eccellente da tutti i punti di vista. Questo ci fa ben sperare che sia l’inizio di un buon viatico nell’approccio delle partite».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *