fbpx

Riscatto Reggio Emilia: Roma naufraga al PalaBigi e va sotto 2-1 nella serie

Reggio Emilia non tradisce alla prima casalinga nei play-off 2013 e batte Roma 89-69 portandosi ora in vantaggio nella serie per 2 a 1. La Virtus resta davvero in partita poco più di un quarto, fino cioè al 25 pari del 13′. Poi naufraga a causa delle numerose palle parse (saranno ben 25 al 40′) e non le basta sovrastare gli avversari a rimbalzo (36 a 19) per poterli impensierire davvero.

Calvani non riesce nell’impresa di gara2 di sopperire alle assenze di Jordan Taylor e Gani Lawal perchè dall’altra parte c’è una Trenkwalder che torna ad essere quella vista in gara1, attenta in difesa e mai sciupona, e che trova nel quartetto formato da Donnell Taylor (20 punti e 4 assists), Antonutti (17 punti e ben 6 palle recuperate), Cinciarini (16 punti e 4 assists) e Brunner (10 punti e 5 assists) dei maglifici interpreti. Mercoledì prossimo c’è gara4: Reggio dovrà confermarsi, Roma ribaltare ancora una volta l’inerzia con l’asse play-pivot ancora in forte dubbio. Se si tornasse al PalaTiziano sul 3-1, la serie rischierebbe di essere già scritta.

La cronaca
Menetti parte con Cinciarini, Slanina, D.Taylor, Antonutti e Brunner; Calvani risponde con Bailey, Goss, Datome, Jones e Czyz. Nei primi minuti polveri bagnate da una parte e dall’altra con Roma che prova a mettere il naso avanti (8-2) e con Reggio subito pronta a controbattere con Taylor e Antonutti (8-9 al 7′). Col passare dei minuti però gli attacchi sembrano sbloccarsi ed è soprattutto quello dei padroni di casa ad eccellere: tre triple (Jeremic, Brunner e Filloy) e un gioco da tre punti di Taylor chiude i primi 10′ sul 21 a 15. In avvio di secondo quarto le bombe di D’Ercole e Bailey riportano a contatto Roma (25-25 al 13′) ma è l’ultimo sussulto perchè le troppe palle perse (14 al 20′ contro le sole 2 degli avversari) consentono ai padroni di casa con Slanina, Brunner, Cinciarini e Taylor di costruire un parziale di 19 a 7 che spacca la partita (44-32 al 19′).
Al ritorno dagli spogliatoi Datome prova a svegliare i suoi ma tutto risulta vano perchè Reggio chiude ancora di più le maglie difensive e con un gioco da tre punti del solito Taylor si regala il anche il +16 (55-39 al 24′). Roma con Lorant e soprattutto Datome riesce sul finale di terza frazione a portarsi sotto la doppia cifra di distacco (62-53 al 29′) ma è un fuoco di paglia. Infatti prima Cinciarini e Brunner ristabiliscono le distanze (67-55 al 30′) e poi una tripla allo scadere dei 24″ di Bell regala addirittura il +17 (73-56 al 33′). Di fatto la contesa si chiude qui: Roma è al tappeto e non dà segni di vita mentre Reggio continua a macinare gioco fino a toccare il +27 grazie ad una tripla di Antonutti (87-60 al 37′). Gli ultimi secondi scorrono veloci con D’Ercole e Jones che riducono di poco il gap e scrivono l’89-69 finale.

I tabellini
TRENKWALDER REGGIO EMILIA-ACEA ROMA 89-69
Trenkwalder Reggio Emilia: Jeremic 8, D.Taylor 20, Brunner 10, Antonutti 17, Bell 8, Veccia n.e., Filloy 7, Slanina 3, Cervi, Silins n.e., Cinciarini 16. Coach: Massimiliano Menetti.
Acea Roma: Goss 11, Jones 4, Tambone n.e., Tonolli, Gorrieri n.e., D’Ercole 6, Datome 20, Bailey 11, J.Taylor n.e., Lawal n.e., Czyz 8, Lorant 9. Coach: Marco Calvani.

© BasketItaly.it – Riproduzione riserva

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *