Home Serie A Reyer Venezia, Markovski e Magro “Con l’aiuto del nostro pubblico bisogna solo vincere.”

Reyer Venezia, Markovski e Magro “Con l’aiuto del nostro pubblico bisogna solo vincere.”

0

zare markovski, coach, alienatore, venezia

Consueta conferenza stampa pre-partita per il coach lagunare Zare Markovski: obiettivo per la Reyer tornare con i due punti in classifica nel match casalingo contro la Granarolo Virtus Bologna dopo sei sconfitte consecutive tra campionato e Coppa Italia.
 
“ E’ necessario vincere soprattutto per motivi di classifica ma anche perché vincere aiuta a essere più sereni e più tranquilli. Con l’aiuto del nostro pubblico dobbiamo battere Bologna, avversario simile per le nostre caratteristiche con punte sugli esterni come Dwight Hardy e Matt Walsh, dobbiamo cercare di imporci. ”
In casa Reyer la notizia del giorno è l’infortunio alla schiena di Guido Rosselli, una ricaduta per il capitano della squadra dopo il problema avuto a inizio Dicembre che l’ha fermato per un mese causa  un intervento di discolisi. Zare commenta così la spiacevole notizia “ Ormai è una stagione così… a questo punto sarà costretto a fermarsi sino al termine della stagione, almeno in quel reparto dovremo fare di necessità virtù. Personalmente ho conosciuto e apprezzato le qualità di Guido nelle ultime sue partite con Varese e Milano, perdiamo un giocatore che non si è mai tirato indietro, che sa difendere su tutti i ruoli e in attacco sceglie i tiri con intelligenza, che sa aspettare nell’eseguirli invece di crearseli, tanto per spiegare la sua duttilità tattica. Se l’ulteriore infortunio è dovuto all’accelerazione del rientro? No, era tornato da tempo. Il punto è che se è la terza occasione che capita in un anno, allora il problema alla schiena deve essere sanato una volta per sempre con un intervento chirurgico, su questo sia lui che la società sono andati di comune accordo anche per le esigenze di questa stagione. Necessiterà tre\quattro mesi di assenza che gli potrà permettere il prosieguo della carriera e di recuperare al meglio. E’ una tegola che arriva in un momento cruciale della stagione, ma adesso testa alta e guardare avanti. ”
Mentre Andre Smith, che a Milano ha sofferto il problema al ginocchio per un risentimento muscolare, è tornato disponibile “ Deve solo recuperare lo stato fisico, il ginocchio è a posto, ma bisogna recuperare quello che ha perso negli allenamenti precedenti.”
In casa Virtus sarà l’ultima partita di Casper Ware in maglia Virtus che dalla prossima giornata sarà sostituito da Willie Warren“ E’ un ragazzo giovane che deve pensare alla sua carriera e al suo mercato, e deve smentire la scelta della sua società, dopo un periodo di pressione lungo due mesi. Ha un’ultima occasione per restituirla al mittente, per questo mi aspetto un Casper Ware particolarmente motivato. ”
Pressione dopo sei sconfitte consecutive con rischio di un gruppo disunito? “ Io non vedo il gruppo disunito, per i giocatori è normale avvertire la pressione per la classifica e per i risultati recentemente ottenuti, ma non per il gioco. Ognuno cerca di dare le sue spiegazioni per le assenza delle vittorie ma è una situazione normale, umana. Però così si rischia di dare la colpa agli altri e ognuno cerca di tirare soprattutto se stesso dato che appunto la situazione non è rosea.  Per me ci sono le spiegazioni, bisogna solo prevenire. ”
 

Reyer Venezia - Sidigas Avellino - Daniele Magro

Anche Daniele Magro ripete la versione del coach “ Vincere, conta solo vincere. Bisogna interrompere questo periodo, non ci sono altre alternative. Per loro potrebbe essere la loro ultima spiaggia, ma anche noi non navighiamo in buonissime acque. Di possibilità per poter recuperare diventano veramente scarse, se non è l’ultima, non ce ne sono tante altre davanti. ”
Dopo la sfida difficile con Milano, una sfida da vincere contro una squadra che come la Reyer non sta affrontando un girone di ritorno positivo “ La Virtus da qualche partita ha cambiato allenatore e non riesce a centrare come noi dei risultati favorevoli. Noi domenica scorsa abbiamo affrontato una squadra come Milano al meglio delle nostre possibilità e tornando a guardare quella partita ci possiamo recriminare veramente poco dato che stanno attraversando un grande momento di forma, anche ieri sera lo hanno dimostrato (Milano ha sconfitto al Pireo i bi-campioni d’Europa dell’Olympiacos per 86-88). Ora abbiamo Bologna, anche loro come noi sono in un momento difficile, però noi giochiamo in casa e da quel punto di vista è un gran vantaggio. Il pubblico ci aiuterà. ”
Tornando alla partita di Milano, veramente positiva la prestazione del pivot oro-granata con 12 punti e 4 rimbalzi in 21 minuti di gioco, ma nonostante ciò non sono arrivati i due punti “ Non posso dire che non mi sono comportato bene, ma quel che personalmente mi da fastidio è il fatto di aver perso, ho sì giocato positivo ma c’è tanta ‘arrabbiatura’. Torni a casa con la sconfitta e mi dispiace.”
L’infortunio di Rosselli“ Un brutto colpo perché si perde un giocatore che mette tanta intensità. Da quando sono alla Reyer è il compagno di squadra con cui ho avuto più a che fare, dispiace non vederlo più in campo e per tanti punti di vista una grande perdita per quel che riguarda l’aspetto cestistico e a livello di spogliatoio, sarà una pedina che ci mancherà. ”
Dopo Brindisi, Siena e Milano, pericoli in meno da affrontare da qui in poi. “ Avanti ci sono tante squadre, come Cantù e Sassari settimana prossima che non sarà per nulla facile, tutte competitive. Abbiamo già giocato contro avversarie di livello molto alto, ma da qui in poi non bisogna mai abbassare la guardia e mai sottovalutare l’avversario. ”
Dopo sei sconfitte consecutive, minato l’ambiente e la compattezza del gruppo? “ No, perché bisogna semplicemente lavorare. Si è perso, ma bisogna soltanto reagire. Non c’è stato uno scossone, le difficoltà portano anche cose positive, bisogna trovarle per potere lavorare meglio. ”
 
© BasketItaly.it – Riproduzione riservata