Home Serie A Reggio Emilia, varato il progetto di restyling del PalaBigi

Reggio Emilia, varato il progetto di restyling del PalaBigi

0

La giunta comunale di Reggio Emilia ha approvato ieri la delibera per la ristrutturazione e l’ampliamento del palazzetto del PalaBigi, primo stralcio, con la quale si candida a intercettare i 467mila euro sui 2 milioni totali di previsione di spesa, a carico dell’ente pubblico.

Si tratta del primo atto amministrativo del Comune di Reggio su un progetto di cui molto s’è discusso in questi mesi e che vede ora il via ufficiale. Le opere consentiranno di aumentare di mille posti la capienza del palazzetto, rendendo l’impianto maggiormente adeguato all’uso delle persone con disabilità (atleti e spettatori) e riqualificare l’edificio esistente migliorando il comfort dell’utenza.

Il via ufficiale ai lavori viene fissato all’inizio dell’estate del 2016 e i lavori verranno aggiudicati tramite gara ad evidenza pubblica. La tempistica prevede che i lavori di questo primo stralcio dureranno 12 mesi, ma questo non impedirà che l’attività sportiva, che tradizionalmente secondo i calendari si sviluppa fra ottobre e giugno, nonché quella scolastica, possano proseguire regolarmente nella stagione 2016-2017. Le parti strutturali infatti verranno realizzate nei mesi estivi e alla ripresa dei campionati agonistici si continuerà a operare con interventi più leggeri, in modo da consentire il regolare svolgimento dei campionati e delle lezioni.

Il commento del sindaco Luca Vecchi: «E’ un progetto di straordinaria importanza per tutta la città, di cui ringrazio per la competenza gli uffici e le persone che in Comune ci hanno lavorato. Il PalaBigi è un impianto che serve a Reggio Emilia: alle sue squadre di primissima fascia nel basket e nella pallavolo, ma a tante altre società dilettantistiche e giovanili di calcio a cinque, pattinaggio, alle formazioni giovanili sempre di pallacanestro e volley che qui si allenano e giocano ogni settimana. C’è poi da tener conto delle centinaia di studenti delle nostre scuole che sfruttano questa struttura la mattina, per l’educazione fisica. L’ammodernamento, gli standard di sicurezza e di fruibilità del palazzetto contemplati dal progetto preliminare sono elementi che andranno a rendere qualitativamente più piacevole e complessivamente migliore questo storico impianto della nostra città».