Pistoia annichilisce l’Upea e domina la partita. Buon esordio di Tony Easley

DSC 3414b

La Giorgio Tesi Group Pistoia vince una partita mai in discussione, surclassando l’Upea in una sfida dominata dai toscani, che hanno chiuso con una valutazione complessiva di 112 a 67, che la dice lunga sull’esito della gara.

Nonostante l’assenza forzata di Landon Milbourne, con Gilbert Brown in condizioni fisiche non ottimali e Tony Easley alla prima uscita in maglia biancorossa, gli uomini di Moretti hanno giocato una gara molto positiva, dando finalmente una buona continuità di prestazioni in stagione.

 

I biancorossi sono stati in vantaggio fin dal primo minuto, giocando un primo quarto di grande intensità e allungando il vantaggio fino al +30 e gestendo l’ultimo periodo, quando Moretti ha inserito ben 4 ragazzi delle giovanili, fra i quali il figlio Davide.

Buonissime le prove di Cj Williams e Daniele Cinciarini, 18 punti per lui, ma tutto il gruppo ha girato al meglio, con la proverbiale grinta di Amoroso, le geometrie di Filloy ed Hall, il coraggio di Brown e la ritrovata grinta di Daniele Magro; decisamente buona anche la prestazione di Easley, autore di 14 punti e 9 rimbalzi, che ha palesato una condizione fisica apprezzabile ed è apparso già ben inserito negli schemi della squadra.

Molto deludente la squadra di Griccioli, soprattutto dal punto di vista della determinazione, cedendo in difesa e tirando con pessime percentuali; si è salvato il solo Dario Hunt, a tratti Archie ed Henry, mentre per il resto una gara da dimenticare.

Pistoia domina ai rimbalzi, 46 a 32 e tira con percentuali migliori; la terna arbitrale non incide perchè non c’è mai partita, ma i 30 liberi dei siciliani, contro i soli 9 dei pistoiesi, risultano alquanto singolari.

A causa dell’infortunio alla caviglia di Milbourne, Easley parte subito in quintetto con Filloy, Hall, Williams e Amoroso, mentre l’Upea schiera Archie, Freeman, Hunt, Soragna ed Henry. Buon inizio dei biancorossi, che dopo 6 minuti sono avanti 17 a 9, grazie a 4 conclusioni dalla lunga distanza e 5 punti di Tony Easley. I siciliani hanno grandissime difficoltà a trovare la via del canestro, con Pistoia che sale sul 24-9 ad un minuto dalla fine; Cochran commette un antisportivo, ma gli ultimi punti del periodo sono di Burgess, che va in lunetta dopo un ingenuo fallo di Brown sulla sirena.

Nel secondo quarto la difesa siciliana appare più aggressiva, con gli uomini di Griccioli che cercano di rientrare in partita grazie ai 10 punti di Dario Hunt. Ma è un fuoco di paglia, perchè i tiratori biancorossi continuano a bucare la retina degli ospiti, allungando sul 52-28 ad un minuto dal termine, con 12 punti di uno scatenato Daniele Cinciarini.

Il primo canestro del terzo periodo lo segna Hall dopo quasi 3 minuti di gioco, con le squadre molto fallose ed imprecise ed Archie e Hunt che sbagliano addirittura 6 liberi su 6. Ci vogliono quasi 5 minuti ai siciliani per realizzare i primi punti, grazie ad Archie, sul punteggio di 62-35; Moretti si permette il lusso di inserire anche il giovane Severini, con Pistoia avanti 67-37 ed i siciliani decisamente fuori partita. Un parziale di 9-1 a favore dell’Upea chiude il periodo, con Pistoia comunque in netto controllo di gara.

L’ultimo periodo non aggiunge molto alla gara, se non un buon minutaggio per tutti i giovani della panchina biancorossa, che hanno saputo anche regalare ottime giocate al festoso pubblico del PalaCarrara, come la bomba di Davide Moretti quasi sulla sirena.

MVP: Daniele Cinciarini, 18 punti, 6/11 al tiro, 3 rimbalzi e 2 assist, con 16 di valutazione finale.

Commenti dagli spogliatoi

Giulio Griccioli. Non so come commentare una non partita. Siamo scesi in campo senza energia e concentrazione; ci troviamo in emergenza da mesi, ma non giustifica una prestazione di questo tipo e faccio fatica a trovare una cosa positiva della gara. Qualcuno ci ha messo l’impegno, ma libero dalle scelte tecniche e tattiche ed in serie A non puoi improvvisare. Un approccio sbagliato alla gara, abbiamo lottato solamente in pochi momenti e ci siamo segati le gambe anche da soli sbagliando troppi liberi in un momento importante della gara. Dobbiamo lasciarci lontano le ultime 2 posizioni e sono convinto che possiamo fare anche di più rispetto all’andata, ma dobbiamo giocare con un altro spirito. Ripartiamo da qui e cerchiamo di rimettere a posto le cose in settimana, perchè la prossima in casa diventa importante per la classifica.

Paolo Moretti. Gli imprevisti che abbiamo avuto in settimana mi hanno risolto il problema di riuscire a trovare motivazioni per questa gara. I superstiti del lavoro settimanale si sono contati ed hanno deciso di alzare il livello di testosterone. Abbiamo giocato un quarto di grande determinazione, spingendo molto anche nel terzo e quarto e creando un gap determinante. Abbiamo preparato bene la partita, con un ottimo atteggiamento. Dopo Reggio Emilia abbiamo iniziato a giocare un buon basket, con continuità e sono convinto che questa sia la cosa che ci lascia positivamente impressionati, grazie al buon lavoro settimanale.

Giorgio Tesi Group – Upea Capo d’Orlando 94-73 (29-13 / 54-33 / 69-46)

Giorgio Tesi Group Pistoia: Filloy (10), Williams (14), Hall (8), Easley (14), Severini (2), Magro (6), Mastellari (0), Moretti (5), Amoroso (9), Brown (6), Bianchi (2), Cinciarini (18). All. Paolo Moretti

Upea Capo d’Orlando: Archie (19), Freeman (4), Hunt (17), Basile (5), Soragna (5), Cordaro ne Cochran (2), Burgess (8), Henry (13), Bianconi ne. All. Giulio Griccioli.

 

13 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *