Pesaro-Venezia, il preview. Obbligo di vittoria per tornare a sorridere.

marcus-thorton-pesaro-2016-10-30

Per la sesta giornata di andata del campionato di Serie A, si affronteranno domani domenica 6 Novembre all’Adriatic Arena di Pesaro i padroni di casa della Consultinvest VL e l’Umana Reyer Venezia. Le due compagini si sono già affrontate nel corso del pre-campionato lo scorso 24 Settembre per il Memorial Alphonso Ford con vittoria veneziana in casa della Vuelle per 71-76 dopo un tempo supplementare.

Qui Venezia:

La sconfitta infrasettimanale di un punto in Champions League in terra ucraina sul campo del modesto BC Khimik ha confermato la discontinuità degli oro-granata nell’affrontare la doppia sfida Coppa-Campionato. Limiti tradotti in mancanza di gioco interno e gran dipendenza nel tiro da tre (10/29 in Ucraina): grandi problemi sotto-canestro con Hagins e Ortner, Peric e Ress, mentre in regia invece Marquez Haynes vive di fiammate, ci si aspetta più playmaking e maggior capacità di leggere le varie fasi del match, cosa che in Ucraina è proprio del tutto mancata. Reyer monodimensionale? A inizio Novembre questo è ciò che appare. Per questo la partita di Pesaro è una buonissima occasione per rilanciarsi ma attenzione a non sottovalutare la voglia di rifarsi dei marchigiani che sono con le spalle al muro reduci da quattro sconfitte consecutive e che hanno preparato il match di domenica per tutta la settimana, ad eccezione della Reyer. I lagunari approcciano la partita con il rientro di Stefano Tonut, out in Ucraina per un guaio muscolare, che ieri ha ripreso ad allenarsi anche se sente un po’ di dolore.
Queste le dichiarazioni pre-partita di coach Walter De Raffaele, consapevole del momento non positivo che sta vivendo la sua squadra.

Qui Pesaro:

Con la pesante sconfitta di Sassari, per la Vuelle sono diventati ben quattro i K.O. consecutivi. Dal primo match contro Brescia in cui sembrava si potesse assistere ad una Consultinvest radicalmente diversa dall’anno scorso, Pesaro non è riuscita a crescere rimanendo ancorata ai due punti catturati nella prima partita. Finora si è vista una squadra che pecca tra un attacco (finora il peggiore della lega con 67,4 di media) dove i lunghi, unica nota lieta dei bianco-rossi, vengono serviti poco e una difesa che a Sassari è stata inguardabile e in ritardo sulle rotazioni. C’è bisogno di un’aggiustata e a coach Bucchi spetta il compito di migliorare le risorse a disposizione, almeno fino a quando il roster resterà il medesimo. La dirigenza di un ritorno al mercato al momento non ne vuole sapere dando fiducia ai propri giocatori, da Thornton a Fields e Harrow. Per i tifosi la certezza è che si dovrà soffrire anche quest’anno per cercare di arrivare alla tanto attesa salvezza in Serie A. Per tutto questo, il match con Venezia vale doppio con la Vuelle che davanti al suo pubblico non può sbagliare.
Queste le parole di coach Piero Bucchi nel pre-partita: “Domenica affrontiamo una delle candidate ad essere la anti-Milano. Ci abbiamo già giocato in amichevole e questo può aiutarci a conoscerli meglio. Dentro l’area sono meno efficaci che da tre? In ogni caso per noi già basta vedere il roster di Venezia per capire che ostacolo troveremo”. Poi aggiunge “Dobbiamo mantenere la serenità, la squadra lavora duro e la società è presente e vicina. I ragazzi si impegnano moltissimo, per alcuni di loro si tratta dell’occasione della vita e magari qualcuno di loro soffre di un po’ di apprensione. Dovremo essere più aggressivi in difesa e più precisi in attacco”.

La Chiave Tattica:

In casa Vuelle finora i lunghi Jones e Nnoko sono stati la nota meno dolente, e proprio il gioco sotto-canestro sarà una delle chiavi della partita con Hagins e Ortner per Venezia a doversi assolutamente rifare dalle precedenti prestazioni in difesa contro pari-ruolo che nell’area colorata hanno potuto fare il bello e cattivo tempo. Sugli esterni la sfida Thornton-Haynes sarà tra giocatori in cerca di una propria identità da playmaker finora introvata. Tonut e McGee saranno l’arma in più per Venezia per cercare di scardinare la difesa avversaria, Pesaro risponde con Fields e Harrow. Attenzione al duello fra tiratori ecccellenti come Jasaitis e Bramos che fanno del tiro dai 6,75 il loro principale punto di forza.

Palla a due alle ore 20:45, la partita sarà trasmessa in diretta nazionale su RaiSport1 e RaiSport1 HD.
Dirigeranno l’incontro i signori Enrico Sabetta, Alessandro Martolini e Fabrizio Paglialunga.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *