fbpx

Pesaro-Venezia, alla ricerca di due punti d’oro per obiettivi opposti.

Marco Ceron (Pesaro)

Per l’undicesima giornata di andata del campionato di Beko Serie A si affronteranno domenica 13 Dicembre all’Adriatic Arena di Pesaro (palla a due alle ore 18:15, diretta televisiva per la provincia di Venezia su SporTelevision) i padroni di casa della Vuelle Consultinvest e l’Umana Reyer Venezia. Sfida tra i piani bassi e i piani alti, con Pesaro alla ricerca di due punti salvezza dopo i ko con Cremona e Caserta, e una Reyer alla ricerca di continuità dopo il match perso con Cantù al PalaTaliercio.
 
Qui Venezia: Dopo la sconfitta di domenica in casa con Cantù, mercoledì è arrivato lo stop in Euro-Cup contro l’imbattibile Valencia, una partita totalmente diversa da quella vista contro i brianzoli data la diversa caratura dell’avversario ed il differente spirito di squadra con ottima intensità messo in campo dagli uomini di Recalcati. Per questo il match con Pesaro è importante per cercare di rialzare la testa ritrovando il feeling con la vittoria. Contro Valencia è tornato a disposizione Tomas Ress, ma solo per onor di firma in quanto è ancora alle prese con il recupero al problema cervicale.
 
Queste le parole di coach Carlo Recalcati nel pre-partita: “Adesso il nostro obiettivo è raccogliere punti per arrivare alla Final Eight e per arrivarci con fiducia. Pesaro come è ormai abituata da qualche anno sta soffrendo ma bisogna fare tanto di cappello alla società perché convive con la situazione di sofferenza ma in modo estremamente dignitoso e senza fare il passo più lungo della gamba. Oltretutto l’ambiente è stato galvanizzato dall’arrivo di Daye. È una squadra che non può fare calcoli e quindi in casa ci prova sempre. Starà a noi provare a imporre il nostro gioco e possibilmente avere lo stesso atteggiamento avuto con Valencia.”.
 
Qui Pesaro: Con soli quattro punti all’attivo insieme alla Manital Torino, la formazione marchigiana è a caccia di vittorie per allontanarsi dal fondo della classifica. I bianco-rossi vorranno certamente rendere cara la pelle, riversando nelle mure amiche tutta la frustrazione accumulata negli ultimi due match persi con Cremona e con Caserta e i soli quattro punti conquistati finora non lasciano un patrimonio di tranquillità nell’ambiente, conscio che anche quest’anno dovrà sudare le proverbiali sette camicie per riuscire a conquistare la permanenza in Lega A. Si attende molto da Austin Daye, protagonista di un esordio negativo al PalaMaggiò prendendosi tante responsabilità ma di fatto pagando il pedaggio della “prima volta” con un carente 3 su 19 al tiro.
 
Queste le parole di coach Riccardo Paolini: “Questa settimana la squadra ha lavorato con un atteggiamento positivo. Venezia è un’avversaria forte che chiede il meglio da noi. Dobbiamo vincere e riconciliarci con il nostro pubblico dopo la brutta partita con Cremona. L’inserimento di Daye sta andando bene, è un giocatore intelligente e aperto, parla tantissimo e questo ci aiuta molto. Anche per lui la settimana è stata positiva. Non ha ancora la forma fisica al 100%, spero arriverà prima possibile. In ogni caso i giocatori come lui sanno gestirsi anche quando non sono al massimo. Con Venezia finiremo per schierare anche quintetti strani, con il roster attuale siamo quasi obbligati. Daye impreciso? Erano buoni tiri anche se sono stati sbagliati, la squadra richiedeva quello. Non erano tiri forzati o fuori equilibrio. Shelton e Walker a rischio? Io sono il primo ad essere a rischio. L’importante è che ognuno di noi dia il 100%. Venezia sarà agguerritissima, viene da 3 sconfitte in fila e quindi sono qui per vincere. Ress ogni volta che ci affronta ci insegna basket, mi piacerebbe tornasse a Pesaro a mostrare ai nostri giovani come si fa a diventare grandi giocatori. Venezia è una bella squadra, ha panchina lunghissima e completa, non ha punti deboli. Riescono a sfruttare ogni giocatore per le sue caratteristiche peculiari, sono allenati benissimo da Recalcati e De Raffaele. Da parte nostra, abbiamo bisogno di fiducia e autostima. Dobbiamo combattere e mettere il cuore in campo. Il nostro pubblico apprezza questo anche se magari alla fine perdiamo. Abbiamo Ceron e Candussi, due ex che ci tengono tantissimo Praticamente la seduta video ce l’ha fatta Ceron, che sapeva tutto sulla sua ex-squadra”.
 
Precedenti e curiosità: 38-34 i precedenti favorevoli alla Vuelle (28-7 a Pesaro).
Pesaro-Venezia si è giocata 2 volte il 13 dicembre: nel 1953 Benelli-Reyer 70-57, nel 1981 Carrera-Scavolini 101-102.
Paolini-Recalcati 0-1 / Paolini-Venezia 0-1 / Recalcati-Pesaro 31-27
Green e Christon sono i giocatori con più palle recuperate: 2.1 la media del veneziano, 2.0 quella del pesarese.
Phil Goss ha vinto le ultime 6 sfide contro Pesaro (7-2 il bilancio complessivo)
17-2 il bilancio di Tomas Ress contro Pesaro 
Gli ex: Francesco Candussi e Marco Ceron da una parte, Tomas Ress dall’altra.
 
Dirigeranno l’incontro i signori Carmelo Paternicò, Beniamino Manuel Attard e Valerio Grigioni.
 
© BasketItaly.it – Riproduzione riservata
20 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *