Pallacanestro Reggiana contestata. Devis Cagnardi verso l’esonero? Ledo rischia il taglio.

L'immagine può contenere: 9 persone, persone che praticano sport

Dopo la sconfitta per 84-82 subita sabato sera al Palabigi contro Pistoia, in casa Grissin Bon Reggio Emilia ci sono stati momenti di tensione con un’accesa contestazione da parte di un gruppo di tifosi che ha tentato di fare irruzione negli spogliatoi, come riporta il sito reggiano Reggionline. L’irruzione però è stata bloccata nel corridoio che conduce agli spogliatoi grazie all’intervento della security, con il direttore generale biancorosso Filippo Barozzi e con qualche giocatore impegnati a dialogare con alcuni inferociti Arsan, la frangia più calda del PalaBigi.
Una rabbia nata, oltre che dai risultati negativi, anche e soprattutto dall’atteggiamento di un paio di elementi dell’organico biancorosso, accusati di scarso impegno e dolce vita. Ci sarebbe stata una notte brava che avrebbe visto protagonisti Ricky Ledo e Chinemelu Elonu. Circostanza commentata con amarezza dal direttore sportivo Alessandro Frosini: “Chiediamo professionalità, impegno e dedizione. Credo siano mancati”.

Ecco quindi che la situazione si evolve; secondo l’edizione odierna di Tuttosport, Devis Cagnardi potrebbe perdere la panchina nei prossimi giorni. Tutto dipenderà dal momento del ritorno in Italia del patron Stefano Landi, che prenderà la decisione definitiva.
In corsa per la successione valutati Matteo Boniciolli e Stefano Pillastrini.
Reggio, ultima con 4 punti, può fare mercato per gli stranieri. Cercherà una guardia o un tiratore e un lungo data la rottura con Spencer Butterfield. E Ricky Ledo potrebbe essere tagliato, sempre secondo il quotidiano nazionale torinese.