Olimpia Milano: Banchi sempre più vicino. Scartati i coach part-time

Sembra sempre più viva e credibile la pista che porta l’attuale coach finalista Banchi vero la panchina biancorossa della prossima

stagione. Gli ultimi dubbi riguardano a possibili chiamate dalla Russia a cifre superiori ma da molti è ormai dato quasi per certo il suo arrivo nella metropoli meneghina. Perchè Banchi e non altri coach? La dirigenza milanese è partita dal semplice presupposto che si vuole un allenatore full time che si dedichi esclusivamente all’Olimpia, e questo ha fatto si che si scartasse Trincheri, che probabilmente era la prima scelta di Portaluppi, e Pianigiani. Scartati i sogni proibiti Messina e Obradovic per costi esagerati rimangono in corsa oltre a Banchi anche Vitucci e Blatt anche se entrambi paiono più lontani visto il contratto garantito che hanno l’anno prossimo rispettivamente con Varese e Maccabi.
L’ipotetica scelta di Banchi non può non far storcere il naso ai tifosi che vedono compiere nuovamente una scelta “alla Proli” pescando dagli odiati rivali cercando di imitarli come fu in passato con Finley, Eze e Hawkins. Le situazioni passate dimostrarono come certi meccanismi non possono funzionare lontano dalla società senese e il rischio di ripetere lo stesso errore è notevole ma soprattutto fa intuire che, nonostante il tanto decantato passo indietro, sia ancora Proli a compiere le scelte decisive. Ma l’estate e il mercato sono ancora molto lunghi e molto dipenderà anche dai giocatori che il nuovo coach vorrà e gli unici che al momento sembrano sicuri del loro posto a Milano sono Gentile (punto fermo da cui ripartire), Melli e probabilmente uno tra Hairston e Langford. Ma è presto per dirlo, in fondo il campionato è ancora in corso.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *