fbpx

Milano, Messina: “Per vincere dovevamo compattarci difensivamente”

L’Olimpia Milano conclude qui a Trieste la sua striscia di 4 sconfitte consecutive tra Eurolega e LBA. Questa l’analisi di coach Ettore Messina.

“Abbiamo giocato in una bella atmosfera, è stata una partita combattuta ed esigente sul piano fisico. Quando saranno in forma Washington e Hickman, saranno una squadra molto solida. Noi abbiamo messo in campo una difesa seria, in attacco abbiamo mosso bene la palla e aperto il campo, abbiamo dispensato 19 assist. Non era facile dopo tante gare in pochi giorni. Sono soddisfatto della prova dei miei che va contestualizzata. Dobbiamo ricordare che le sconfitte sono venute contro l’ Efes in trasferta ovvero la squadra che sta dominando l’Eurolega, contro il Maccabi in trasferta nel finale, a Brescia sempre nel finale senza Brooks, Moraschini, Scola e Sergio Rodriguez. Contro il Fenerbahce siamo riusciti a difendere la differenza canestri . Nel contempo anche squadre come il Real Madrid hanno perso 4 partite di fila. Oggi il Fenerbahce ha perso con il Gaziantep e il Baskonia ha perso in casa contro Andorra. Bisogna prendere atto che l’Eurolega è così, durissima per tutti quanti. Capisco che ci si possa allarmare perdendo qualche partita di fila. La nostra unica speranza di vincere oggi era quella di compattarci difensivamente, quindi ho privilegiato quest’obiettivo.  Oggi dovevamo  fare una partita seria, altrimenti avremmo rischiato grosso anche qui, e l’abbiamo fatta. I ragazzi sono stati bravi a interpretarla nel modo giusto.

Finché c’è l’Eurolega cercheremo di raggiungere i play-off e di trovare al tempo stesso l’energia per competere in campionato. Speriamo di avere una crescita già in Coppa Italia, contando sul recupero almeno di Brooks, visto che Moraschini ha un infortunio più lungo.

Stasera siamo partiti bene e non vorrei passasse inosservata un’altra buona prova di Cinciarini fin dall’inizio. Sykes ha caratteristiche diverse da Rodriguez e lo sfruttiamo per questo, è un playmaker realizzatore, ovviamente non è un Aldo Ossola, ma ci sta dando quello che volevamo”.

Cervi l’ho trovato bene, era tanto che non lo vedevo giocare. Se sta bene fisicamente è un giocatore che può dare una grande mano e magari anche rientrare nel giro della Nazionale, almeno glielo auguro”