#MADEINITALY – CINQUE GIOCATORI CON TANTI PUNTI NELLE MANI

Difficile questa settimana individuare il miglior quintetto della sesta giornata. Tra vittorie e sconfitte gli italiani a distinguersi di più sono stati guardie e lunghi. Nessuna prestazione monstre per i play azzurri e nemmeno per i centri, molti dei quali fermi ai box.

Ecco le nostre scelte.

Ha fatto infuocare tutti i tifosi di Bologna, da qualche tempo non era così in gas. Con i 26 punti messi a segno per la conquista della vittoria contro Cantù Pietro Aradori eguaglia la quinta prestazione di tutta la sua carriera. Tre bombe su quattro, cecchino dalla lunetta, in difesa autore di cinque rimbalzi la guardia virtussina.

A lui aggiungiamo un Fabio Mian che ha dato un grande contributo per la prima vittoria della sua Trento ai danni di Brescia: per lui 15 punti in 22 minuti di gioco, un rimbalzo difensivo e due assists. Della formazione di coach Buscaglia il miglior realizzatore dopo Joao Gomez.

Altro tassello fondamentale Andrea Moraschini, la guardia ala della Happy Casa Brindisi ha sfoderato una prestazione da 17 punti in 23 minuti di gioco con una percentuale di 100% da tre e 80% ai liberi. Il migliore dei suoi nella vittoria contro Torino.

Lo abbiamo già proposto altre settimane, ma sta facendo talmente bene che un dei cinque posti deve essere per forza il suo. 27 punti in 24 minuti di gioco per Giampaolo Ricci nella travolgente vittoria della sua Cremona ai danni di Pistoia. L’ala classe 91′ si è data parecchio da fare anche sotto canestro.

Ultimo posto libero in questa sesta giornata di andata va all’ala classe 1988 Nicola Natali: la sua Varese ha perso contro Avellino ma il giocatore ha realizzato 10 punti in 11 minuti di gioco e ha cercato di far voce grossa sotto canestro con 4 rimbalzi difensivi.