fbpx
Home Serie A Made In Italy – Il quintetto italiano della 13° giornata
Made In Italy – Il quintetto italiano della 13° giornata

Made In Italy – Il quintetto italiano della 13° giornata

0

Il Quintetto italiano secondo BasketItaly.it, ossia i migliori cinque della giornata che si possono “pescare” tra tutte le squadre di LBA Legabasket Serie A. Ecco i nostri fantastici cinque del tredicesimo turno della Serie A UnipolSAI stagione 2020/2021.

Marco Spissu (Banco di Sardegna Dinamo Sassari)
Lucido, chirurgico dalla lunetta e letale dall’arco quando serve. Minispi gioca da leader nella vittoria sassarese in rimonta su Brescia giocando con autorità e precisione (vedere il 95.5% dalla lunetta in stagione). Segna 23 punti – è il suo high in Serie A – frutto di 2/5 da due, 4/9 da tre e 7/7 dalla lunetta. Ci aggiunge 2 rimbalzi, 3 recuperi e 4 assist (seppur 4 perse) per 20 di valutazione.

Mattia Palumbo (Lavoropiù Fortitudo Bologna)
Non c’è Pietro Aradori? Non c’è nemmeno Wesley Saunders? Luca Dalmonte lo inserisce in quintetto nella sfida difficile sulla carta contro la Reyer. Pronti, via, e parte alla grande mettendo in seria difficoltà Stefano Tonut e avversari diretti mettendosi in mostra. Nella ripresa partecipa alla vittoria giocando per la squadra sui due lati del campo. Alla fine sono 8 punti e 8 rimbalzi, miglior partita stagionale senza se senza ma.

Nicola Akele (De’ Longhi Treviso Basket)
Solido e presente. Il ragazzo nativo di Montebelluna a Masnago contro l’Openjobmetis Varese gioca una buonissima partita aiutando la sua De’ Longhi Treviso alla rimonta nella ripresa da -15 con la vittoria finale. Ottime difese, fa male ai biancorossi con egregio lavoro sui due lati del campo. Alla fine sono 12 punti e 8 rimbalzi per 13 di valutazione.

Simone Zanotti (Carpegna Prosciutto VL Pesaro)
E chi se l’aspettava? Parte dalla panchina e sfodera una partita da assoluto Mvp del match nella sfida contro l’Allianz Pallacanestro Trieste. Il lungo torinese stato l’arma in più per coach Jasmin Repesa, sempre al posto giusto nel momento giusto. A suon di canestri e presenza sotto i tabelloni trascina la Vuelle al successo. Chiude la miglior partita della carriera in Serie A con 21 punti (100% da due con 6/6 e ¾ dall’arco), 6 rimbalzi e ben 23 di valutazione.

Leonardo Totè (Lavoropiù Fortitudo Bologna)
Da quando è arrivato coach Luca Dalmonte, Leonardo sembra totalmente un altro giocatore, rinato. Contro l’ex Reyer Venezia e avversari come Watt e Fotu, fornisce una buonissima prestazione battendosi su ogni pallone con sacrificio e presenza. Sgomita sempre più per avere minuti data l’assenza di Happ e un Hunt annullato dai falli commessi. 14 punti con 5/7 da due, 4/7 ai liberi, 4 rimbalzi, 2 stoppate e 3 recuperi per 19 di valutazione.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata