Home Serie A #LBA2021 – Cremona: all’inferno andata… e ritorno. Ora tutti a lavoro!
#LBA2021 – Cremona: all’inferno andata… e ritorno. Ora tutti a lavoro!

#LBA2021 – Cremona: all’inferno andata… e ritorno. Ora tutti a lavoro!

0

Il 2020, come se non avesse fatto sufficienti danni, poteva essere l’anno in cui la Vanoli Cremona lasciava definitivamente il grande basket dopo oltre 10 anni di onorata carriera.
Fino a metà luglio il futuro sembrava già segnato: lo strascico della pandemia non garantiva la costruzione di futuro stabile alla squadra.

A risollevare le speranze di una tifoseria rassegnata è però arrivato un inaspettato consorzio di imprenditori che, guidato dall’azienda Corazzi, hanno garantito alla vincitrice della Coppa Italia 2019 di proseguire il sogno.

Con un clamoroso ritardo rispetto agli altri team, la dirigenza ha lavorato con grande impegno per dare a coach Paolo Galbiati la squadra più competitiva possibile con gli italiani Poeta (già col coach di Vimercate alla Fiata Auxilium Torino), Cournooh e Mian a far da guida ai giovani ed inesperti giocatori americani.

Obiettivo.. non tornare all’inferno!

Per come si era messa la situazione, l’obiettivo più grande è stato raggiunto. Coach Paolo Galbiati e i suoi dovranno adesso lottare partita dopo partita per conquistare la salvezza sul campo e regalare ai propri tifosi il maggior numero di gioie possibili.

La squadra

Le chiavi della squadra sono affidate al veterano azzurro Giuseppe “Peppe” Poeta: arrivato da un’annata non proprio fortunata a Reggio Emilia, la sua esperienza (non a caso è stato scelto capitano della squadra) cercherà di far quadrare il cerchio di un gruppo che ha scelto americani sulla base di una comune matrice basata su atletismo e voglia di mettersi in luce in Italia.

Vena realizzativa che sarà invece la specialità della casa dell’americano TJ Williams, uomo di punta della Vanoli targata 2020/21. La guardia 26enne arriva dall’ottima stagione all’Hapoel Beer Sheva, chiusa con 18.8 punti, 2.8 rimbalzi e 4.8 assist di media a partita, che ha fatto seguito al debutto da professionista in Europa all’Ostenda (Belgio) con qui ha vinto il campionato 2018/19.

Daulton Hommes e Jarvis Williams sono le due ali del team. Giocatori intercambiabili e versatili in grado di dare atletismo e buon ritmo difensivo. Hommes è alla prima esperienza in Europa dopo la stagione trascorsa agli Austin Spurs (G-League), con medie da 8.3 punti e 3.3 rimbalzi. Più consistente il passato di Williams che arriva invece dall’Olanda (Leiden) con cui ha totalizzato 17.8 punti e 8.1 rimbalzi di media a partita. Chiude il quintetto Marcus Lee, gigante da 208cm x 102kg che fa dell’atletismo il suo punto di forza. Dal punto di vista tecnico è ancora molto grezzo ma gli spiragli per diventare un ottimo giocatore ci sono tutti.

Panchina Made in Italy o quasi

A parte l’esperienza di una guardia ben collaudata come David Reginald Cournooh, proveniente da un biennio in maglia Virtus Bologna, e la voglia di Fabio Mian, che ritorna a Cremona dopo le tre stagioni passate tra Pistoia e Trento, coach Galbiati ha poco da chiedere alla sua panchina composta dalla confermata guardia finlandese Topias Palmi (3.9 punti nella scorsa annata) il pivot Andrea Donda (classe ’99) in arrivo da Capo d’Orlando, e l’esterno Lazar Trunic, serbo con formazione italiana prodotto del vivaio Vanoli.

Staff

Flavio Portaluppi (GM)
Paolo Galbiati (Head Coach)
Pierluigi Brotto (Assistente)
Giuseppe Mangone (Player Development Coach)
Jacopo Torresi (Preparatore fisico)
Fabrizio Fittoli (Medico social)