Home Serie A #LBA20-21 – VL Pesaro: la garanzia Jasmin Repesa per una salvezza più tranquilla possibile
#LBA20-21 – VL Pesaro: la garanzia Jasmin Repesa per una salvezza più tranquilla possibile

#LBA20-21 – VL Pesaro: la garanzia Jasmin Repesa per una salvezza più tranquilla possibile

0

In riva all’Adriatico si cambia pagina, si deve per forza. Dopo che il Coronavirus ha fermato un cammino veramente disastroso nel campionato 2019/2020 (leggasi 1 vittoria e 19 sconfitte!), per la Victoria Libertas Basket Pesaro è tempo di cominciare un altro capitolo. I marchigiani sembravano destinati a iniziare la nuova stagione dalla serie A2… ma dopo consultazioni con sponsor ecco la permanenza nella massima serie grazie al rinnovo pluriennale con Carpegna Prosciutto alla base della crescita del budget della gloriosa Vuelle del presidente Ario Costa, che ha deciso per un lampante cambio di passo dopo troppo tempo di economie forzose, costruendo un roster interessante ed esperto che consenta di vivere un campionato finalmente lontano dagli affanni della zona salvezza dopo tanti anni. Le scelte sono state monitorate e le strategie accorte – vedere l’attendismo paziente poi premiato prima per Tyler Cain e poi per Ariel Filloy – sono quelle che hanno portato Pesaro e il Direttore Sportivo Stefano Cioppi a creare un team adatto ad un coach di indiscusso valore come Jasmin Repesa nel primo dei tre anni del progetto costruito attorno all’allenatore croato già campione d’Italia con la Fortitudo Bologna e l’Olimpia Milano. Da non dimenticare l’ingresso in società come “Referente Tecnico e Pubbliche Relazioni” della storica bandiera Walter Magnifico, segno che Pesaro vuole mutare e dimenticare tanti anni di vacche magre con una nuova vita, ma tenendo sempre alta la testa senza scordarsi del vecchio cuore biancorosso.

Salvezza tranquilla, ma con Jasko tutto può succedere

Se escludiamo l’ultima stagione passata e già citata, Pesaro ha finito le sette precedenti annate sempre con una salvezza in extremis o all’ultima giornata. Ecco, i biancorossi di certo vogliono togliersi se possibile questo problema, e sicuramente per questa stagione non partono in fondo a nessun ranking, suvvia. Il roster è un mix di esperienza e giovani giocatori pronti a dimostrare il loro valore, che proveranno a far passare alla squadra di Repesa il campionato più sereno possibile come ai suoi sostenitori. E perchè no, potrebbe anche candidarsi al ruolo di sorpresa dell’anno rispetto alle disponibilità. Perchè coach Jasmin Repesa ha tutte le carte in tavola per valorizzare la Vuelle e far tirare fuori al massimo tutti i componenti possibili. Non sarà di certo un compito facile, ma con “Jasko” tutti a Pesaro dovranno rigare dritto, poco ma sicuro.

Un Delfino “curioso” e la solidità di Cain a sostenere il quintetto base

Repesa punta nello starting five iniziale sull’imprevedibilità della nuova coppia perimterale USA già rodata in Europa Justin Robinson (dall’ Elan Chalon,con medie da 11.6 punti, 2.7 rimbalzi e 5.9 assist) e Frantz Massenat (da Andorra, con medie da 8.4 punti, 2.1 rimbalzi e 2.8 assist), entrambi in grado di creare attacco in vari modi dal palleggio e con potenzialmente tanti punti nelle mani. Marko Filipovity è l’ala forte (da Falco-Szombathely, con medie da 12.1 punti, 4.6 rimbalzi e 1 assist), ottimo tiratore dal perimetro. Tyler Cain (da Germani Brescia, con medie da 10.1 punti, 7.2 rimbalzi e 0.9 assist) è un giocatore che la vecchia Pesaro pre-rinnovo di Carpegna Prosciutto poteva soltanto sognare; pivot vecchio stampo, è una certezza assoluta sul piano del rendimento difensivo come dimostrato negli anni di Varese. A chiudere il quintetto c’è in ala piccola il designato capitano biancorosso Carlos Delfino (svincolato), 38 anni, veterano argentino di mille battaglie che potrà dare un aiuto importante in termini di esperienza e di tiri pesanti.

FIAT AUXILIUM TORINO VS ACQUA S. BERNARDO CANTU / LEGA BASKET SERIE A

Dalla panchina un mix di competenza e gioventù

Ariel Filloy è stato il colpo di mercato finale della Vuelle, porta sicura affidabilità e voglia di rivalsa dopo la passata stagione non proprio positiva personalmente con la Reyer Venezia, così come Matteo Tambone, proveniente da Varese, che è conoscitore del campionato. Insieme a questi due validi esterni, Repesa può contare sulla freschezza di Henri Drell (si intervallerà con Delfino da 3 titolare), che vorrà dimostrare il suo valore che porterà in campo. Simone Zanotti darà invece carica emotiva sotto canestro, mentre per il pivot classe 2001 Beniamino Basso sarà la stagione d’esordio in prima squadra per maturare e farsi conoscere. Chiudono il roster l’ala Michele Serpilli e talvolta verranno inseriti i giovani Lorenzo Calbini e Edin Mujakovic. Comunque sia, il roster si presenta abbastanza competitivo e con un buon mix di gioventù e competenza. La palla ora passa a coach Repesa, con il compito di far tornare la Carpegna Prosciutto ad alti livelli.

ariel filloy, venezia

Staff tecnico

  • Capo allenatore: Jasmin Repesa
  •  Vice allenatore: Paolo Calbini
  • Assistente allenatore: Luca Pentucci
  • Preparatore fisico: Roberto Venerandi

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata