fbpx
Home Serie A La Reyer Venezia abbatte una rimaneggiata Reggiana
La Reyer Venezia abbatte una rimaneggiata Reggiana

La Reyer Venezia abbatte una rimaneggiata Reggiana

0

Per la 15a e ultima giornata del girone d’andata del campionato LBA Serie A UnipolSai, al Palasport Taliercio di Mestre si è giocato il posticipo tra Umana Reyer Venezia e UNAHOTELS Reggio Emilia; la sfida è stata vinta dalla Reyer per 95-75.

Coach Antimo Martino ha potuto disporre di soli 7 uomini dato l’infortunio occorso nella partita precedente contro Sassari di Justin Johnson, questo ha influito pesantemente sulla partita dove è mancata energia e gioco minuto dopo minuto. Si è acceso tardi Joshua Bostic, Brandon Taylor non ha inciso, bene Baldi Rossi, ma non è bastato. Per la UNAHOTELS Reggio Emilia bisogna sperare nella sconfitta della Vanoli Cremona nel recupero contro l’Olimpia Milano per entrare nelle Final Eight di Coppa Italia.

La Reyer Venezia di coach Walter De Raffaele, che si era già qualificata matematicamente alle Final Eight grazie alla sconfitta di Trento di ieri sera (troverà da 5a in classifica la 4a, ossia la Virtus Segafredo Bologna per corsi e ricorsi storici della Coppa Italia 2019), ha trovato una gran partita da parte di Mitchell Watt (22 punti, 8 rimbalzi, 4 recuperi, 32 di valutazione) e le prove da protagonisti degli italiani Andrea De Nicolao e Stefano Tonut, oltre a un ottimo Austin Daye e una buonissima prova di squadra

Cronaca del match

Watt e Tonut piazzano il 6-2 inizialmente dopo 3′, poi, dopo il pareggio momentaneo reggiano, la Reyer con De Nicolao e il solito Tonut piazza il +7 sul 13-6 dopo 5′. Nonostante Elegar, Watt porta Venezia sul +10 per il 18-8 dopo 6′, time-out Antimo Martino. Tocca il massimo divario di +13 Venezia con la tripla di Tonut, ma Baldi Rossi e Taylor limano il gap, 21-13 all’8′, stavolta time-out di De Raffaele. Daye da una parte, Taylor dall’altra, portano punti a referto per entrambe le squadre in un primo periodo che termina 26-19.

Secondo periodo: la Reyer Venezia continua a tenere il vantaggio, ma Baldi Rossi con una tripla piazza il -3 di Reggiana, 28-25 dopo 12′. Le triple di De Nicolao e Casarin rimettono in carreggiata l’Umana, ma l’UNAHOTELS con Brandon Taylor e Diouf riaccarezza i padroni di casa, 34-31 al 14′. Un’altra tripla veneziana, stavolta di Bramos, insieme a un Mitchell Watt difficile da frenare in post basso, ridanno “ossigeno” a Venezia, 41-31 al 15′, time-out Martino. Continua la buona % al tiro pesante di Venezia, ma anche in transizione punisce la difesa reggiana con Tonut e la 2a tripla di Bramos, 49-35 al 18′, +14 e massimo vantaggio casalingo. Nel finale di tempo Tonut e Gasper Vidmar fanno toccare il massimo vantaggio Reyer a fine primo tempo, è 54-39.

Si rientra in campo e Venezia tocca il +17 a inizio tempo con Daye, ma Venezia non riuscendo a entrare in ritmo nel tiro dal perimetro permette a Reggio Emilia con un break di 0-6 di tornare a -11, 56-45 al 23′. Ma Daye e Watt poi rifanno scappare Venezia sul 63-45 al 25′, time-out coach Martino. Due liberi di Campogrande danno alla Reyer il +20 sul 65-45 dopo 26′, ripetendosi con De Nicolao sul 69-49 al 29′. Terzo quarto che si chiude sul +17 Reyer Venezia, 71-54.

Ultimo quarto: la Reggiana lima sul -14 su una Reyer Venezia che tocca il bonus falli già dopo 1′ di frazione. La Reyer si affida a Luca Campogrande e a un super Mitchell Watt, ma Reggio di orgoglio infinito non la dà vinta, è 80-63 a 6’49” dalla fine. Un antisportivo di Kyzlink è segno di mancanza totale di energia ospite sull’82-63 a 6′ dal termine. Il +23 con un gioco da quattro punti di Daye e un’ottima visione di gioco di Casarin per Vidmar porta il 90-67 a 3’44” dalla fine che chiude di fatto il match, se mai ce ne fosse stato bisogno dirlo. E’ garbage time, finisce 95-75.