fbpx

La Granarolo Bologna torna al successo, Pesaro si impegna ma non basta

Virtus Vittoria

La Granarolo Bologna torna alla vittoria sconfiggendo la VL Pesaro, in una partita bruttina, utile solo per i due punti in palio.

Nonostante la diversa caratura delle squadre in campo, la squadra marchigiana, priva di Pecile, è riuscita a rimanere in partita un tempo, senza però mai dare l’impressione di poter vincere. Per la Virtus bene i due punti e poco altro, visto anche il gioco espresso non certo spumeggiante.
Prima partita della stagione non in doppia cifra per Walsh che si ferma a 7 punti, tirando male da 3 (0/6) ma aggiunge 7 rimbalzi, 5 assist e 3 recuperi. Miglior marcatore Hardy, con 22 punti e ritorno al canestro per Ware, che chiude con un onesto 2/6 da dietro l’arco. Per Pesaro solita prova eccezionale di Anosike, autore di una doppia doppia da 23 punti e 12 rimbalzi per 42 di valutazione.
La cronaca. Sorprese nel quintetto Granarolo, con coach Bechi che sceglie Imbrò e Walsh al posto di Ware e Gaddefors, decisamente appannati nelle ultime uscite. La mossa sembra pagare subito, con la squadra che riesce a segnare ben 25 punti, grazie ad un Walsh da play aggiunto, capace di smazzare ai compagni ben 3 assist nel solo primo quarto. La VL rimane a contatto i primi 9 minuti di partita, prima di subire un 10-2 di parziale che indirizza la partita.
Un secondo quarto di rara bruttezza termina 10-11 per gli ospiti, che riescono ad inceppare l’attacco virtussino, troppo legato a soluzioni personali. Difficile trovare qualche spunto di riflessione in una simile situazione. All’intervallo la Granarolo è comunque avanti 35-29.
Dopo la pausa lunga, si scatena prima Jerome Jordan, poi è il turno di Hardy che con 9 punti ipoteca la partita. Pesaro fa fatica a reagire e scivola fino al -14, quando l’unica tripla di Gaddefors suggella il terzo periodo sul 61-47. Game, set e match per la Granarolo, con Pesaro che non riuscirà a rientrare oltre il -8, facendo vivere un finale tranquillo agli oltre 5000 tifosi delle VuNere sugli spalti. All’ultima sirena il tabellone recita 75-65 per i padroni di casa.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *