fbpx

La Fiat Torino pronta ad iniziare la nuova stagione

AD-180218-0005

E’ ufficialmente iniziata la stagione agonistica 2018/2019 per la Fiat Auxilium Torino. Presso la World International School del capoluogo piemontese sono stati presentati alla stampa i nuovi componenti del roster, dello staff tecnico e dirigenziale, eccezion fatta per Coach Larry Brown, che si unirà al gruppo nel ritiro di Bormio, e Roycee White.

A prendere la parola per primo è stato il Presidente Antonio Forni che ha confermato di avere “una certa tensione, come è normale che sia all’inizio di ogni stagione, simile ad un primo giorno di scuola. I sentimenti sono quindi misti, la gioia di iniziare la nuova avventura e l’ansia di non sapere cosa ci aspetta. Sono comunque soddisfatto della squadra allestita e del lavoro di coach Brown e dello staff: sono convinto che la squadra non deluderà le aspettative”.

Il figlio del presidente, Francesco Forni, si è concentrato invece sull’aspetto tecnico e ha descritto le idee alla base della costruzione del roster: “Volevamo giocatori che sapessero difendere, con una struttura fisica che li renda in grado di non subire sui cambi difensivi. Abbiamo deciso quindi di mixare l’esperienza dei vari Poeta, Cusin e Delfino con l’esuberanza degli americani”.

Non mancano neppure parole al miele per il nuovo play titolare Tra Holder.” E’ vero, Garrett ha lasciato un’eredità difficile ma è il playmaker che volevamo: sa segnare e coinvolgere i compagni con buone letture, mentre Cotton e Carr fanno della duttilità il loro cavallo di battaglia. Se saremo tutti sulla stessa pagina e avremo fortuna potremo toglierci delle soddisfazioni”.

Dell’evoluzione del club ha parlato l’Amministratore Delegato Feira:” Quarta stagione in Serie A: non siamo più una start up e dobbiamo dimostrare di aver capito come si gestisce in modo ottimale un club. Avremo uno sponsor tecnico torinese, Robe di Kappa, che manifesta il radicamento nel nostro territorio. Non ci poniamo obiettivi particolari se non quello di divertire, e di combinare, con il lavoro in palestra, risultati e divertimento”.

L’asticella quindi non è stata fissata ma sembrerebbe quella dello scorso, cioè raggiungere per la prima volta i playoff e tentare di fare più strada possibile in Eurocup. Se non sono stati esplicitati in modo chiaro e netto gli obiettivi, ciò sembrerebbe dovuto al fatto che molte squadre debbano ancora “chiudere” il roster ed è quindi difficile stilare ipotetiche classifiche: ancor meno parole sono state spese invece sui motivi che hanno portato ad una flessione del budget (peraltro non certa). Queste infatti le uniche parole sul tema: ” Escludendo Milano, le altre squadre si distribuiscono in tre fasce: noi ci posizioniamo in quella intermedia”.

Anche lui ha speso parole d’elogio, dirette questa volta verso Bartocci, general manager e nuovo innesto nell’organigramma societario insieme a Matteo Soragna, il quale ricoprirà il ruolo di team manager: l’ex Brescia è stato infatti definito come “l’asse intorno al quale costruire una società sempre più solida e forte”.

Queste le sue parole dopo i primi contatti con l’ambiente gialloblu:”Torino è ormai una certezza nel panorama nazionale e internazionale: ripartiamo per una nuova avventura con la voglia di confermare la fiducia che ci è stata accordata. Sentiamo la responsabilità nei confronti della città e dei tifosi: stiamo lavorando per rendere la nuova casa (il PalaVela, ndr) il più accogliente possibile.

Ci vuole pazienza quando si inizia un nuovo percorso, ma negli occhi di tutti si legge la volontà di fare bene”.