Home Serie A L’Olimpia Milano conquista il primato solitario contro una Virtus Bologna troppo corta per competere

L’Olimpia Milano conquista il primato solitario contro una Virtus Bologna troppo corta per competere

0

david moss, milano

L’Olimpia vince senza spremersi troppo in vista del difficile impegno di Eurolega con il Panathinaikos. Conquista il primato in classifica con una buona prova corale, mostrando fisicità e profondità dalla panchina. Tanti minuti per Cerella(complice l’assenza di Jerrels per lutto familiare), che in campionato è sicuramente un fattore difensivo notevole. Dopo un inizio troppo blando, i bancorossi salgono di tono in difesa e Langford confeziona punti importanti(13) senza neanche sforzarsi troppo. Lawal sotto canestro quando va con convinzione la fa da padrone con un 12 punti mentre per Bologna pesa la panchina corta e solo Hardy e King riescono a colpire con continuità. Nel terzo quarto poi, a seguito di un fallo tecnico si sveglia David Moss e in difesa non passa più nessuno realizzando ottimi contropiedi. Un bentornato a Gentile che, ancora debilitato, mette a segno 15 punti di buona fattura. Quando si alza il ritmo difensivo Milano diventa inarrestabile con ben 12 recuperi. Bologna non la riprenderà più e si riempie solo il tabellino statistico di Hardy. Il punteggio finale recita 89-66 e nel finale c’è spazio anche per Momo Tourè sotto gli appalusi di un Forum ancora privo di tifo organizzato ma che si gode il primato solitario in classifica

Ea7 Milano: Gentile 15, Cerella 7, Melli 2, Hackett 13, Kangur, Langford 13, Samuels 11, Tourè, Wallace 4, Lawal 12, Moss 13

Virtus Bologna: Gaddefors, Hardy 19, Motum 10, Fontecchio 2, Guazzaloca, Landi, Negri, Gazzotti, Ware 11, King 9, Walsh 7, Ebi 8

MVP: David Moss, il suo impatto difensivo è impressionate e appena viene stuzzicato diventa devastante. Al tiro ritrova fiducia e può far ben sperare in vista della sfida di Eurolega