Home Serie A Il trio Avramovic-Archie-Cain fa la differenza. Varese fa valere Masnago e stende Venezia 87-79.

Il trio Avramovic-Archie-Cain fa la differenza. Varese fa valere Masnago e stende Venezia 87-79.

0

Nel posticipo della 24.ma giornata la Openjobmetis Pallacanestro Varese fa valere ancora una volta il fattore Masnago e supera l’Umana Reyer Venezia per 87-79. E’ la decima affermazione in casa in campionato per la squadra di Attilio Caja che acciuffa due punti fondamentali in chiave playoff. Il match di fatto è sempre stato nelle mani dell’Openjobmetis che è stata trascinata dalle prove balistiche di Aleksa Avramovic e Dominique Archie, il primo con 26 punti e 6 assist, 24 con 10/12 al tiro per l’ex Orlandina con il neo dell’infortunio alla caviglia a 6’56” dalla fine. A dar mano loro un ottimo Tyler Cain, superbo sotto i tabelloni con 15 rimbalzi (6 offensivi), 3 recuperi e 4 assist, decisivo nei tiri da seconda opportunità che hanno fatto la differenza per Varese. Venezia ha trovato una buona prova da Julyan Stone (13 punti, 11 rimbalzi e 8 assist) e la garra di De Nicolao oltre che il carattere di TonutWatt, ma è pesato tantissimo il 25% dall’arco di squadra (8/32) con Michael Bramos autore di un inusuale 0/5, oltre alle prove negative di Daye e Haynes. Venezia resta seconda in graduatoria ma vede Milano scappare a + 4, Varese invece continua il suo cammino in casa e aggancia Avellino e Brindisi al quarto posto.

CRONACA_ Partenza tutta firmata Avramovic di fatto per il 10-2 casalingo mentre l’attacco di Venezia è troppo imballato, time-out De Raffaele dopo 2’48”. Continua a tenere l’inerzia e il ritmo del match l’Openjobmetis con Cain sotto le plance e Scrubb, Mazzola limita i danni per Venezia dall’arco, ma è Varese a chiudere avanti per il 25-18 dopo il primo quarto. Continua il buon momento dei varesini con Avramovic e Archie a dare il +11 ai padroni di casa sul 33-22, la tripla di Stone ferma l’emorragia veneziana, 32-25 al 14′ e time-out Caja. La Reyer riduce sul -4, momentaneamente, perchè i biancorossi con Iannuzzi e Archie si riportano sul +8 al 17′, con Venezia che spreca troppo, 39-31 al 17′, time-out De Raffaele. Vidmar trova sostanza sotto-canestro, risponde un arcigno Scrubb con la tripla del 44-36, ma il finale di tempo è tutto di Venezia con Stone e Tonut in contropiede solitario a segnare il -4 per il 44-40 che manda le squadre negli spogliatoi.
Si ritorna in campo ed è Avramovic-Archie show con Cain a dare peso sotto il ferro con rimbalzi offensivi pesanti a dare una mano all’Openjobmetis che si porta sul +11 al 23′, 57-46 e time-out De Raffaele. Stone e Haynes con la tripla (primi tre punti del matc) non svegliano Venezia che soffre la difesa asfissiante varesina che fa la differenza, le triple di Scrubb e Archie fanno il resto con l’Openjobmetis che tocca il massimo vantaggio sul 64-51 al 27′, time-out Venezia. Tonut riduce a -11 ma Varese è non molla la presa e da Tambone trova fosforo e canestri per il 72-56 dopo tre quarti. L’Umana Reyer ci prova con Watt e la tripla di De Nicolao a riaprire il match, 72-61 a 8’53” dal termine, time-out Caja. Moore trova la tripla, ma Venezia non molla con De Nicolao e Stone, Caja chiama ancora time-out a 8’06” dalla fine sul 75-65. Varese perde Archie per infortunio a 6’56” dalla fine per infortunio alla caviglia, Stone mette il -7, Avramovic piazza il +13 a 5’33” dalla fine, Watt, Tonut e Haynes non ci stanno e portano Venezia a un -4 di speranza a 2’09”, ma proprio nel momento di più difficoltà, ancora Avramovic dà a Varese il +6 sull’85-79 a 1’36” con Venezia che non riesce a sfruttare le occasioni che gli capitano dall’arco dei 6,75m complice la difesa rocciosa di Varese per tutto l’arco del match, Scrubb e Moore segnano l’87-79 finale ai liberi.

MVP BasketItaly.it: Aleksa Avramovic.

Openjobmetis Pallacanestro Varese – Umana Reyer Venezia 87-79 (25-18; 44-40; 72-56)

Varese: Archie 24, Avramovic 26, Gatto ne, Iannuzzi 2, Natali, Salumu 2, Scrubb 14, Verri ne, Tambone 8, Cain 4, Ferrero 3, Moore 4. Coach: Attilio Caja.

Venezia: Haynes 6, Stone 13, Bramos 2, Tonut 11, Daye 4, De Nicolao 11, Vidmar 5, Biligha 6, Giuri, Mazzola 6, Cerella ne, Watt 15. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Manuel Mazzoni, Lorenzo Baldini e Gianluca Calbucci.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata