Il post partita di Venezia-Bologna: Recalcati: “Partita giocata intelligentemente, messo l’impegno giusto.”

Umana Venezia, Coach Carlo Recalcati

Coach Carlo Recalcati commenta così la vittoria della sua Umana Reyer Venezia arrivata al PalaTaliercio di Mestre per 96-71 sulla Granarolo Virtus Bologna.
 
 
“Abbiamo giocato una partita molto intelligente iniziata con il piglio giusto, sapendo che avevamo qualche problema da gestire e non sapevamo obiettivamente quanto avrebbe giocato Goss e se Ruzzier poteva stare in campo. Percependo la situazione di allarme,  abbiamo messo in campo l’impegno e le energie giuste rischiando poco. Abbiamo alzato molto l’intensità difensiva, nel primo tempo abbiamo segnato tanti canestri in contropiede derivati da palle recuperate. Abbiamo avuto il problema non previsto di Peric da gestire nella ripresa, una botta al ginocchio. Però abbiamo avuto una situazione che viaggiava a nostro favore grazie al punteggio e alla nostra intensità potevamo gestire l’assenza di Peric alternando nel suo ruolo giocatori diversi e tutti hanno fatto la loro parte. Nella nostra squadra – prosegue il coach della Reyer – molti giocatori stanno cercando di trovare la fiducia, mi sono piaciute le prove di Dulkys e di Viggiano, hanno bisogno di giocare con autorità e con fiducia prendendosi i tiri nel loro bagaglio. Su Goss si è visto, ha giocato 10 minuti, ma sono minuti sulla via del recupero e possa settimana prossima lavorare a pieno regime con la squadra.”
 
La situazione di Goss: “In quattro settimane su 4 partite ha fatto 3 allenamenti. È un problema su cui conviviamo dall’inizio della stagione e l’arrivo di Jackson è visto in quell’ottica. La speranza è che lo si gestisca come a metà campionato. In questo momento gli manca la condizione, è normale che sia così, adesso dire quando potrà lavorare per riprendere la condizione non sono in grado di dirlo. Bisogna viverlo settimana per settimana.”
 
La prestazione da Mvp di Jackson “Un giocatore che ha ripetuto la prova vista contro Brindisi, è una conferma che ha dato fiducia a tutta la squadra nei primi 10 minuti del match. In un altro match avrebbe giocato di più, ha così giocato di più Ceron, peccato per Ruzzier che però non ce la faceva e rischiare non ne valeva la pena. Ha avuto un malanno che lo tormentava da tre giorni, martedì tornerà a posto.”
 
Bene anche Nelson che ha sfruttato l’assenza di Peric: “Lui sa giocare, oggi ha avuto la possibilità di giocare a lungo e l’ha sfruttata, col vantaggio dell’assenza di Peric e le caratteristiche degli avversari. So che lui fa sempre qualcosa di positivo, ma tutto sta a lui nel vedere la partita e di mettersi in una situazione a lui favorevole, è vero che non è più un ragazzino. Nella partita con Brindisi ha giocato 5 minuti e ha commesso tre falli consecutivi da non rientrare più in campo. Se non fosse stata una situazione da farlo giocare più a lungo che non fosse in difficoltà, non l’avrei fatto. Sarà sempre così con lui. La scelta di lasciare fuori Radic è stata legata alle caratteristiche degli avversari da lasciare Nelson nel giocare più tranquillamente contro i loro numeri 4.”
 
BasketItaly.it – Riproduzione Riservata
One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *