Home Serie A Fortitudo Bologna. Il GM Carraretto: “Ci mancano l’ala piccola e il centro titolari.”

Fortitudo Bologna. Il GM Carraretto: “Ci mancano l’ala piccola e il centro titolari.”

0

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono

Foto da pagina Facebook Fortitudo Pallacanestro Bologna 103

Marco Carraretto, GM della Fortitudo Bologna, ha fatto il punto sul mercato della squadra bianco-blu sulle colonne de Il Resto del Carlino di Bologna. Un estratto delle sue parole.

“Rispetto a quello che era il nostro disegno iniziale siamo a buon punto. Ci mancano l’ala piccola titolare e il centro titolare. Per il resto la squadra verrà chiusa con un giovane italiano che sarà il decimo più due ragazzi del vivaio che aiuteranno il gruppo in allenamento e saranno in panchina la domenica. Non conosco ancora le tempistiche perché ci sono dei nomi che ci piacciono con cui abbiamo preso contatti. Vorrei dire che chiuderemo il tutto questa settimana, ma non credo succederà”.

Su ED Daniel: “Nei video lo avevamo visto notando che è diventato un giocatore un po’ diverso rispetto a quello che era qui. Meno dinamico e più a suo agio nel ruolo di centro. Poi tornando indietro dalla Summer League lo abbiamo trovato allo scalo di Amsterdam e mi è sembrato lo stesso guascone di sempre. Diventerà papà a dicembre ed è molto contento di essere tornato alla Fortitudo. Oltre a quello che farà in campo, sarà utile nel far capire agli americani cosa significa giocare in un ambiente come quello della Fortitudo.”

Su Fantinelli: “I tempi di recupero sono lunghi perché sarà aggregato alla squadra attorno a fine agosto o ai primi di settembre. Speriamo che sia rispettata questa tabella di marcia”.

Quale ruolo ricoprirà il giovane cercato? “Quello di tre che è l’unico rimasto scoperto.”

C’è qualcuno che è dispiaciuto di non aver confermato? ”Direi tutti per il clima che si era creato e per essersi immolati per una causa importante. Mi dispiace di più per quelli che avevo conosciuto da più tempo e sarebbe stato molto bello mantenere lo stesso gruppo, ma non saremmo stati all’altezza della situazione.”

Quando vorrebbe giocare il derby? “Subito per togliersi il dente, essendo una partita molto attesa. La realtà è che non lo so perché molto dipende dal periodo di forma della squadra e dalla sua qualità di gioco. Quando sarà cercheremo di essere pronti. Sembra essere una sfida impari, ma il clima del derby sono convinto che livellerà molto i valori trasformandola in una gara equilibrata”