Il folletto dell’Indiana è tornato: Moore e Goss schiacciano Cantù al PalaPentassuglia

nic-moore

L’Enel Brindisi dimentica l’amara sconfitta con Brescia e serve il dolce nel monday night contro Cantù. I biancazzurri privi di Scott (per distorsione alla caviglia) ed English (in tribuna per referto) battono tra le mura amiche la Red October e si piazzano all’ottavo posto in classifica. A Cantù non basta la super prestazione di Johnson (32 punti, 12 rimbalzi e 3 stoppate) che incassa la quarta sconfitta consecutiva.

Brindisi parte con Moore in cabina di regia alla sua prima partita dopo l’infortunio subìto alla caviglia, in coppia con Goss da guardia e allunga sul +6 in cinque minuti, mentre Cantù rimane ferma a 4 punti. Sblocca Darden al 4’ e sulle distrazioni di Brindisi, i lombardi ne approfittano, tornando sul -2. Agbelese schiaccia di prepotenza in faccia all’avversario ed è 22-14 alla fine del primo quarto.

Johnson si affretta e in picchiata si prende due punti che valgono il -5 per la squadra canturina in avvio di secondo quarto. Brindisi spende quattro falli di squadra in quattro minuti, così coach Sacchetti è costretto a chiamare time out per rimescolare le carte. Moore non delude in arresto e tiro e infila sei punti consecutivi (24 pt con 4/8 da 3 e 6 assist). Dall’altra parte una Cantù troppo frettolosa sbaglia in attacco, e la risposta del Moore on fire non si fa attendere. I lombardi non ottimizzano il tecnico a loro favore e sul 45-31 si va all’intervallo.

Terzo periodo acceso per l’Enel che esulta dopo una schiacciata in volata di un super M’Baye (20 pt e 9 rimbalzi); Cantù trova la via del canestro con l’ex Brindisi Callahan e accorcia, sfruttando anche il momento buio di Brindisi. Sacchetti rimette in campo Carter che per la prima volta dimostra di saper fare bene il lavoro sporco e di essere temuto in difesa dall’avversario (9 rimbalzi e 1 stoppata). I brindisini non riescono però a limitare Johnson sotto canestro e vengono raggiunti dagli ospiti sul finire del quarto, 67-61.

Confusione per Brindisi in avvio di quarto quarto, che si lascia scappare dalle mani pesanti palloni e sciupa tanto da permettere agli uomini di coach Kurtinaitis di ridurre lo svantaggio. Tripla di Pilepic che ammutolisce il Palazzo, e Brindisi orasembra quasi perdere del tutto lucidità, quando l’eroe di turno Goss piazza il tiro dai 6,75 a due minuti dalla fine. Viaggi in lunetta in ambo i campi negli ultimi secondi, ma l’Enel ha la meglio e vince per 90-82.

 

Tabellini

Brindisi: Agbelese 4, Carter 8, Moore 24, M’Baye 20, Joseph 10, Spanghero 4, Goss 20, Donzelli 0, Cardillo 0.       Rimbalzi: 31      Palle perse: 19     Assist: 17

Cantù: Pilepic 13, Darden 13, Johnson 32, Lawal 5, Kariniauskas 2, Callahan 5, Waters 9, Parrillo 3, Acker 0.          Rimbalzi: 27          Palle perse: 20       Assist: 18

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *