fbpx

Final 8 – Varese elimina Milano. Per l’EA7 l’incubo non ha fine

 

La Cimberio Varese raggiunge l’Acea Roma in semifinale battendo l’Olimpia Milano per 92-84 grazie ad uno stellare Mike Green da 23 punti, 8 rimbalzi e 10 assist. L’uragano Varese si è abbattuto, dunque, su una delunte Milano che non replica gli ottimi progressi mostrati durante le ultime giornate di campionato e deve buttare giù un boccone amarissimo

vedendosi sfuggire anche le Final Eight di Coppa Italia, dopo l’Eurolega, nonostante il fattore campo che, in tutta franchezza, non è stato un peso così evidente alla bilancia della partita. Fin dai primi minuti di gioco la Cimberio ha messo in campo la sua solita solidità, precisione al tiro ed energia che le permette di tenere la testa della classifica fin dalla prima giornata, a dispetto di una Milano troppo pasticciona e che faticava enormemente ad entrare in partita con troppe palle perse a referto. Eloquente il dato alla fine del primo tempo, dove Varese conduceva 46-29, nel quale la Cimberio registrava un grandioso 15/20 al tiro da due a dispetto di un triste 8/22 dei milanesi. Top scorer della serata è da dividersi tra Mike Green e Langford, autori di 23 punti a testa, ma il giocatore della Cimberio ha praticamente eclissato il numero 23 di Milano per impatto alla partita. Per Varese ben 5 gli uomini in doppia cifra: Green (23), Ere (17), Polonara (16), Banks (12), Dunston (10) a fronte dei 3 milanesi: Langford (23), Hairston (13) e Bourousis (12). Varese, per concludere, si conferma una grandissima squadra mentre Milano, purtroppo, si conferma (ancora) una delusione mancando uno degli obiettivi divenuti fondamentali per salvare la faccia dopo la brutta figura in Europa e in campionato che hanno constretto ad interventi ingenti sul mercato che, per dirla tutta, non sembrano aver migliorato di molto la situazione precedente (vedi l’innesto di JR Bremer). Milano è una squadra di un talento spropositato ma mal riposto e distribuito. Varese, invece, sebbene sia (talentuosamente parlando) una squadra più modesta è orchestrata da uno dei migliori playmaker del campionato, Mike Green, che la rende – numeri alla mano – la miglior squadra del campionato. Varese continua il sogno per Milano è l’inizio di un nuovo incubo.

Cronaca
Il primo canestro della gara è di marca milanese con Radosevic , che schiaccia dopo una palla rubata di Marques Green, poi Varese alza il volume della propria ed in attacco con quattro punti in fila di Dunston chiude un parziale di 8-0 in proprio favore (8-2 al 3’). Radosevic è il grande protagonista dell’inizio gara per l’Olimpia, infatti il croato realizza tutti i primi sei punti dei milanesi (10-6 al 5’). La formazione meneghina con una bomba di Langford, ed ancora il solito Radosevic da sotto torna sul -1 (12-11 al 6’), ma Varese con i suoi esterni produce un altro break di 7-0, ed allunga sul +8 (19-11 al 9’). Ad inizio secondo quarto la Cimberio con una tripla di Polonara raggiunge per la prima volta la doppia cifra di vantaggio (26-16 al 12’), e raggiunge al 14’ il nuovo massimo vantaggio sul +15 (35-20) con una tripla questa volta di De Nicolao. Milano prova a reagire (37-27 al 16’), ma Varese con i punti di Ere e Banks chiude un altro terribile break di 9-2, ed a metà gara sono diventate addirittura 17 le lunghezze di vantaggio per gli uomini di Vitucci (46-29 al 20’). Nella prima metà del terzo quarto al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia: infatti al 25’ con un’altra bomba di Polonara sono 18 i punti di vantaggio dei varesini (57-39 al 24’). L’EA7, però trova la forza di reagire, trascinata dai punti di Bourousis da sotto, ed le iniziative dei suoi esterni Langford ed Hairston con un break di 1-13 ritorna a vedere la targa della Cimberio a solo sei punti di distanza (58-52 al 28’). Varese, però, sotto la veemente pressione milanese, non si disunisce, e con due liberi di M.Green chiude la terza frazione sul +8 (66-58 al 30’). La frazione decisiva si apre nel segno di un super Mike Green che con due triple riporta i compagni sopra la doppia cifra di vantaggio (72-59 al 32’), ma il parzialone dei varesino è appena aperto. Infatti la Cimberio nei primi cinque minuti del quarto con un break di 14-1 manda definitivamente i titoli di coda sulla gara (80-61 al 35’). Gli ultimi cinque minuti sono di passerella per Varese, e di sofferenza per Milano che vede l’amaro risultato del tabellone di casa con scritto 92-74 in favore della Cimberio.

Cimberio Varese – EA7 Milano 92-74 (21-14, 46-29, 66-58)

Varese: Sakota 2, Banks 12, Rush 2, Talts 5, De Nicolao 5, Green 23, Balanzoni ne, Bertoglio, Cerella ne, Ere 17, Polonara 16, Dunston 10; All. Vitucci
Milano: Giachetti ne, Hairston 13, Fotsis 2, Chiotti 3, Bourousis 12, Melli, Bremer 2, Langford 23, Gentile 3, Green 8, Radosevic 8; All. Scariolo

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *