Home Serie A ESCLUSIVA – V.Renzi: “Campionato interessante con nuovi giocatori in mostra. Ecco la mia opinione sulla crisi”

ESCLUSIVA – V.Renzi: “Campionato interessante con nuovi giocatori in mostra. Ecco la mia opinione sulla crisi”

0

Il campionato di Serie A è giunto alla settima giornata con parecchie novità. Siena non è più la schiacciasassi e può finalmente partecipare al campionato con tutte le altre squadre, Milano cerca di risolvere i suoi problemini interni ma in tutto questo svetta una sorprendente Varese in testa al campionato a punteggio pieno seguita a ruota dal Banco di Sardegna Sassari. Abbiamo intervistato il presidente della LegaBasket, Valentino Renzi, per tirare un po’ le somme di questo campionato: “Dopo solo sette giornate è prematuro fare una valutazione, sicuramente è un campionato che si presenta interessante con una bella Varese che è ancora imbattuta”. Un campionato certamente più equilibrato con diverse squadre che stanno dimostrando di poter lottare fino in fondo per qualcosa di importante. C’è però chi parla di un semplice livellamento verso il basso piuttosto che di un campionato equilibrato. “E’ una storia che va avanti da sempre – commenta il presidente della LegaBasket -. Ogni anno si dice qualcosa, quando vinceva una squadra era lei troppo forte mentre adesso non va bene perché si è abbassato il livello. Non credo sia così, mi pare piuttosto che il campionato sia bello e interessante e che stia presentando dei nuovi giocatori molto talentuosi. Vedo tanta positività, gli sportivi vanno alle partite, l’interesse per le nostre attività e per il sito è importante”.

Non ci sono più i nomi di una volta, si pensi ai vari Lavrinovic, McIntyre, Bodiroga, Bujavic, Lynn Greer etc. ma il campionato 2012/13 sta portando alla luce tanti giocatori molto interessanti e, per fortuna dei nostri colori, italiani. Stanno venendo fuori alla grande i vari Gentile, Melli, Polonara, De Nicolao, Moraschini mentre altri si stanno confermando ad altissimi livelli come Gigi Datome e Daniel Hackett. La dimostrazione che forse non serve un’imposizione riguardo al numero di italiani che devono scendere in campo se un ragazzo vale, gioca indipendentemente. “Io credo che se un giocatore gioca è perché ha le qualità per giocare e che gli consentono di essere identificato come affidabile dai propri allenatori, senza guardare alla sua carta d’identità. Abbiamo tanti giovani che si stanno mettendo in mostra e che stanno disputando un ottimo avvio di campionato”.

Passando ad aspetti meno felici. Anche quest’anno tante squadre non hanno potuto prendere ai vari campionati nazionali per problemi economici e gloriose piazze,  come ad esempio Treviso, hanno dovuto dire addio al basket. “Abbiamo delle regole – aggiunge Valentino Renzi -, gli aspetti finanziari hanno una valenza superiore al diritto sportivo. In un sistema economico in crisi, nel quale le aziende chiudono dalla sera alla mattina, è inevitabile che uno sport come il basket, che vive di entusiasmo e passione, non ne risenta. E’ chiaro che dispiace se alcune piazze non ci sono più ma c’è una partita più importante che si gioca con i numeri rispettando dei parametri. Molto spesso usa un termine improprio parlando di fallimento, alcune squadra non sono “fallite” ma hanno semplicemente deciso di non iscriversi al campionato grazie ad un importante gesto di responsabilità”.

Per concludere un intervento sul “caso Napoli” che anche se non colpisce direttamente la LegaBasket influisce sicuramente su tutto il movimento pallacanestro. “Certe situazioni non aiutano al nostro sport ­– conclude Renzi –, dispiace che la piazza di Napoli non riesca ad avere un po’ di tranquillità. Ci sono degli organi di giustizia e bisogna aspettare il loro operato, ma ovviamente è auspicabile che la sentenza del TNAS arrivi il prima possibile in modo da risolvere questa situazione. Aspetteremo la sentenza”.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata