EA7 Milano-Vanoli Cremona in countdown!

Come ogni lunedi ecco l’esclusivo countdown di Basketitaly sulla clamorosa vittoria in trasferta della Vanoli Cremona contro la mai continua EA7 Milano

10 a Brian Chase autore di una serie di triple incredibile. 6/7 dalla lunga distanza per lui e trascina letteralmente i cremonesi bruciando ripetutamente la retina dell’EA7. 22 punti in 25 minuti che sicuramente hanno mandato i tifosi in estasi

9 come i rimbalzi di un monumentale Pericautore anche di 23 punti. Prestazione solida e determinante al pari di Chase. Mistero irrisolto per Scariolo che non trova nessuna soluzione per contenerlo.

8 come gli assist di Marques Green, l’ultimo ad arrendersi tra i biancorossi e sicuramente il più positivo dei suoi con anche 13 punti. Clamoroso come sia, con 8 rimbalzi, anche il miglior rimalzista dei suoi dall’alto dei suoi 165 centimetri, segno che qualcosa i lunghi milanesi lo hanno decisamente sbagliato

7 i punti di Ioannis Borousis, poco incisivo sulla gara ma spesso pericoloso trovando i liberi. Come tante altre volte scarso il suo utilizzo con soli 17 minuti di gioco nonostante sia potenzialmente dominante contro tutti, ma la scelta di Scariolo è sempre più evidente

6 come i rimbalzi di Fotsis ma, ancora una volta, 0 i suoi punti a referto. Apparso nuovamente svogliato e apatico il greco torna, dopo la parentesi di Venezia, a essere quel fantasma visto in tutta la stagione mai incisivo o in partita

5 i rimbalzi del grande ex Luca Vitali, conditi da 13 punti. Si prende una bella rivincita contro la squadra che, dopo averlo a lungo cercato, lo mandò via dopo una sola stagione delusa, non senza motivo, dalle prestazioni. A Cremona sembra finalmente aver trovato la sua dimensione e anche quella forma fisica a lungo mancata e con questa partita conferma il trend positivo delle ultime giornate

4 anzi 14 i punti del miglior Radosevic visto quest’anno probabilmente. Incisivo in attacco con la sua velocità e ben servito da Green. Anche lui però panchinato nel finale nonostante la bella prestazione

3 i canestri dal campo di un impreciso Stipanovic che però si riscatta sotto i tabelloni catturando ben 12 rimbazi di cui 4 offensivi regalando seconde occasioni ai suoi.

2 i minuti giocati da Basile, sprofondato in fondo alla panchina dopo le ultime prove discrete dove era riuscito a trovare il canestro da 3 con più continuità. Gli è stato preferito Giachetti. Bocciatura o problemi fisici?

1 agli arbitri che, come spesso accaduto in questa stagione, sono confusionari e impreparati rischiando di compromettere la partita sul finale dove ne hanno combinata una peggio dell’altra ma, fortunatamente, la cosa non ha inciso sul risultato

0 a Sergio Scariolo e all’Olimpia Milano che in questa fase finale di stagione ancora una volta evidenziano i problemi di questa squadra che senza Langford prima batte Siena e poi perde in casa con Cremona. Ancora appare scarso il gioco e certe scelte lasciano sempre più perplessi (come la scelta di giocare senza centro i finali e gli scarsi minuti di Bourousis). La stagione fin qui è tutt’altro che positiva e la sensazione è che solo lo scudetto potrà salvare il coach Bresciano.

 

10 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *