Derby tra Milano e Varese nel posticipo domenicale: il preview

Nella seconda giornata del campionato di Serie A il posticipo della domenica sera (ore 20:45 con diretta su Rai Sport oltre che all’Eurosport Player) vede impegnate in una sfida storica e caratteristica l’EA7 Emporio Armani Milano e la Openjometis Varese. Un derby tra due delle squadre più titolate della penisola, che ora però ha i favori del pronostico completamente spostati verso i padroni di casa. Questo sia per le forze messe in campo che per quanto mostrato nelle prime uscite. Agli uomini di Caja servirà un’impresa per espugnare il campo dei recenti campioni di Supercoppa, trovando così due punti importanti in un difficile avvio di calendario. Pianigiani invece vuole proseguire sulla giusta rotta per arrivare nelle migliori condizioni agli impegni europei.

Qui Milano – L’EA7 Emporio Armani ha conquistato i primi due punti del suo campionato imponendosi sul campo di Cremona, guidata dalle ottime prestazioni di Gudaitis e Goudelock. Proprio loro due, oltre a Theodore e Bertans, saranno le armi più importanti con cui colpire le difficoltà varesine. Non dovrebbe ancora essere disponibile Dada Pascolo (anche se in panchina), mentre probabilmente saranno ancora fuori dai 12 Kalnietis, Tarczewski e Dragic. Chi invece ci sarà e vorrà fare di più rispetto a settimana scorsa, sia in termini di minutaggio che in fase realizzativa, sono Jefferson e Abass, gli unici non andati a referto nella prima giornata. Per vincere coach Pianigiani cercherà di sfruttare le maggiori qualità fisiche e atletiche dei lunghi, che dovrebbero portare rimbalzi e vantaggio vicino a canestro, permettendo poi di liberare spazio sul perimetro per le iniziative di Goudelock e Bertans. Fondamentale per l’Olimpia sarà imporre fin da subito il suo gioco e non permettere a Waller e compagni di entrare in ritmo ed esaltarsi in una partita da sempre con stimoli più forti del solito.

Qui Varese – L’Openjobmetis nulla ha potuto nella prima uscita stagionale contro Venezia, punita dal tiro da fuori degli ospiti e dalle poche soluzioni offensive trovate nel corso dei 40 minuti. Se Waller, Ferrero e in parte Hollis hanno fatto vedere qualcosa di buono, di sicuro ci sarà bisogno di un miglioramento dell’asse play-pivot formato da Wells e Cain per pensare di impensierire i meneghini. Coach Caja ne è consapevole, ma è anche convinto che senza pressioni Varese possa dire la sua: “Arriviamo da una settimana molto positiva dal punto di vista degli allenamenti: ci siamo focalizzati sulle cose che non sono andate bene nel match contro Venezia provando a fare qualche aggiustamento, in particolare sulla possibilità di creare e sfruttare il gioco in transizione e sull’aggressività difensiva. Avremo bisogno che tutti i nostri giocatori facciano la partita perfetta e per farlo è necessario che il nostro playmaker, Wells, riesca a creare per se stesso e per i suoi compagni; contro Venezia era ancora vittima dell’infortunio che lo ha limitato per tutto il precampionato, ma questa settimana l’ho visto molto migliorato sia da un punto di vista fisico che mentale. Giocare contro Milano è oggettivamente difficile essendo, senza offesa per nessuno, la squadra più importante di Italia; ciò nonostante non abbiamo nessuna particolare pressione e abbiamo il dovere di fare la miglior partita. Motivazione e carica non ci mancano”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *