Home Serie A De Raffaele: “Con Trieste match importante, bisognerà controllare le palle perse.”

De Raffaele: “Con Trieste match importante, bisognerà controllare le palle perse.”

0

Coach Walter De Raffaele ha presentato in conferenza stampa la partita in programma domenica 12 gennaio alle 18.00 all’Allianz Dome di Trieste (diretta su Eurosport Player):

“Trieste è una squadra che sta cambiando pelle, che sta apportando molti cambiamenti al roster per cercare di migliorarlo. Non sappiamo quindi di preciso che faccia avrà, anche se credo che Washington sarà della partita. In ogni caso, arrivano da due vittorie, per cui hanno più fiducia, in un ambiente molto caldo ma sportivo. È per noi un match molto importante, che deve vederci andare lì con l’idea, senza mancare di rispetto a nessuno, di fare la partita, seguendo il nostro modo di giocare e la nostra identità.

https://www.facebook.com/ReyerVenezia/photos/a.466015824453/10157772610689454/?type=3&theater

Credo che uno degli elementi più importanti sarà assolutamente il controllo delle palle perse, viste le ultime due partite che abbiamo fatto fuori casa, a Brescia e in Germania, perché onestamente diventa difficile cercare di vincere con così tante palle perse, soprattutto quelle non provocate, specie quando devi ricucire svantaggi importanti. Trieste è una squadra molto fisica, che gioca molto in campo aperto e in contropiede; quindi, ripeto, credo che il controllo delle palle perse e capire il ritmo della partita possano essere degli elementi importanti per provare a portare a casa una partita che, per noi, rappresenta un altro match molto importante”.

Su Andrew Goudelock, che in settimana è tornato ad allenarsi in gruppo, ecco dichiarazioni del coach livornese raccolte da Il Gazzettino: “Lunedì, prima di partire per la Germania, ha lavorato mezz’ora con noi. Oggi (ieri, ndr) farà un’altra parte di allenamento in gruppo. Un primo passo in avanti c’è stato. La parte principale del suo lavoro continua ad essere col preparatore Renzo Colombini. Ora bisognerà capire come reagirà, ma il fatto di averlo visto con la squadra è stato positivo.”