Home Serie A partita incredibile alla Segafredo arena: una grande cremona batte la virtus
partita incredibile alla Segafredo arena: una grande cremona batte la virtus

partita incredibile alla Segafredo arena: una grande cremona batte la virtus

0

incredibile sconfitta interna della Virtus Segafredo Bologna: Peppe Poeta  e Daulton Hommes trascinano la Vanoli Cremona alla vittoria per 95-92, che rischia di buttare via il +21 alla fine del terzo quarto. Le Vnere, imbarazzanti per tre quarti di partita, tirano fuori un quarto periodo

Che Cremona non sia quella che in supercoppa ha perso 2 volte su 2 è evidente, e infatti il primo quarto è tutto di marca lombarda. La Vanoli si porta subito avanti con Mian che, dopo l’errore di Cournooh ma conseguente rimbalzo offensivo, mette la prima tripla di serata. Tessitori muove la retina per la Virtus ma Ricci, dopo un bel recupero, fallisce il tiro del sorpasso. L’inizio match è piuttosto confusionario ma Cremona sembra più in palla. In più coach Djordjevic, che già preferisce far partire dalla panchina Milos Teodosic, deve sostituire momentaneamente Abass per una botta alla caviglia. Comunque i padroni di casa sono ancora lì, e addirittura, verso metà quarto, trovano il primo vantaggio grazie alla rubata+ schiacciata di Julian Gamble. E’ però un fuoco di paglia perché Cremona si riporta subito sul +4 costringendo Sasha Djordjevic a spendere il time out. Alibegovic riporta i suoi a -2, ma le Vnere sbagliano tiri a raffica, e consentono ad Hommes e TJ Williams di portare gli ospiti addirittura a +10 dopo il primo quarto.

Secondo quarto che segue la falsariga del primo. Ricci prova subito a scuotere i suoi, che poi si affidano a Teodosic e Josh Adams, gli unici due ad aver segnato dall’arco per ricucire lo svantaggio. E’ proprio il serbo a servire la palla del -6 a Vince Hunter; ma dopo un minuto così così anche Cremona si sblocca e si riporta in doppia cifra di vantaggio. La differenza fin qui la fanno proprio le percentuali offensive: infatti, i bianconeri non vedono il canestro per quasi due minuti e la Vanoli prova a scappare. Vince Hunter interrompe l’emorragia dalla lunetta e Josh Adams, uno dei pochi virtussini fin qui a salvarsi, porta sotto i 10 punti la differenza. Il libero di Hommes e soprattutto la grande stoppata dell’ex Cournooh sull’ultimo possesso fissano il risultato sul 36-46 a fine primo tempo.

A chi si aspettava una Virtus arrembante al rientro dall’intervallo lungo si deve ricredere dopo un solo minuto. Daulton Hommes è in serata davvero di grazia e cerca di indirizzare la partita definitivamente, ma Teodosic risponde subito con una delle rarissime triple messe dai padroni di casa. E’ sempre l’ex Austin Spurs dall’arco a tenere Cremona davanti, con un vantaggio che si allarga fino al +15. Alla Virtus mancano alcuni dei suoi trascinatori come Kyle Weems e Giampaolo Ricci, che mettono un solo canestro in 2. L’azzurro addirittura, a metà terzo quarto, lascia il posto al classe ’97 Stefan Nikolic. Djordjevic non riesce a trovare il bandolo della matassa, mentre Cremona amministra benissimo. I padroni di squadra, forse fiaccati dal difficile impegno in Eurocup, sembrano aver mollato definitivamente e gli ospiti vanno all’ultimo quarto con un rassicurante +21.

I Primi 5 minuti del quarto periodo vedono però un moto d’orgoglio dei padroni di casa, che azzeccano un parziale di 17-2 che riapre clamorosamente una partita che sembrava già con due piedi in Lombardia. Nikolic segna subito al primo possesso, seguito dai due liberi del rientrante Awudu Abass. Se per i primi 30 minuti alle Vnere non entrava nulla mentre Cremona stava interpretando una fase offensiva perfetta, ora è tutto ribaltato. Ancora Hommes cerca di mettere il risultato al sicuro, ma è un attimo perché la reazione Virtus è rabbiosa, per la gioia dei pochi tifosi presenti alla Segafredo Arena: a meno di due minuti dal termine, incredibilmente, un solo possesso divide le due squadre. Galbiati chiama un time out nel tentativo di evitare il definitivo crollo mentale dei suoi.  E’ Peppe Poeta ha mettere la sua settima tripla di serata, che vale il +5 a pochi secondi dal termine. Stefan Nikolic segna sull’ultimo possesso, ma non c’è più tempo. La Vanoli Cremona soffre ma alla fine porta a casa la partita.

Top Scorer

Giuseppe Poeta (CRE) 28 pti con 7/8 da 3

Milos Teodosic (VIR) 22 pti con 6/4 da 3