fbpx

Caserta insegue un sogno chiamato FINAL8, ma i cugini Diener non mollano mai!

CASERTA: Stanno ancora tutti sognando dalle 23:00 del 30 dicembre 2012 dopo il successo vietato ai deboli di cuore in quel di Avellino e pare non abbiano intenzione di smettere di farlo infatti  al Palamaggiò c’è ancora chi intento a stropicciarsi gli occhi, alza lo sguardo al tabellone luminoso che recita 88-81. Oggi sulla carta la Juve era decisamente inferiore ad una Sassari capace di percentuali assurde, ma sicuramente con un cuore e una voglia d’ impresa maggiore. A Caserta cade Sassari, in pochi probabilmente avrebbero ritenuto questa vittoria nemmeno lontanamente pronosticabile, ma si sa, spesso i miracoli sono dietro l’ angolo e soprattutto in Terra di Lavoro ne sanno qualcosa. Dopo il regalo natalizio confezionato ad Avellino, la banda Made in Italy regala un’ altra impresa per allietare il giorno della befana ad i tifosi casertani, i quali ora non possono più nascondersi, hanno tutto il diritto di Sognare. THE SHOW MUST GO ON!

Sponda Caserta: Il coach esordisce nel postpartita dicendo che la gara di questa sera è stata la migliore della sua formazione: probabilmente Sacripanti è il primo ed unico ad aver  creduto in quest’ impresa, e se la merita tutta dato che nelle ultime settimane ha dovuto combattere con molti infortuni, con vicende che vanno al di fuori del basket giocato e con chi lo accusava di aver costruito una squadra non all’ altezza. Il coach si prende ancora una volta la sua rivincita, con stile come sempre compiendo l’ ennesimo miracolo. Questo successo lancia la Juve verso la rincorsa alle Final8, si perchè Caserta è decisamente in lotta per l’ 8 posto ed ha tutte le possibilità per acciuffare quest’ ennesima impresa, ma per farlo dovrà portare a casa i 2 punti dalla scontro In/out nella tana di Reggio Emilia. Chi vince va a Milano, chi perde resta a casa.

Sponda Sassari: A Sassari, sapevano che non sarebbe stato semplice, quando si scende in campo da favoriti si ha sempre tutto da perdere soprattutto in un fortino rovente come il Palamaggiò. Il coach ha ben poco da rimproverare ad alcuni dei suoi ragazzi autori di un’ ottima prestazione griffata soprattutto Diener’s Family from Fond Du Lac(Wisconsin). I 2 autori di un avvio spettacolare, per una buona prima parte di primo quarto hanno dato inizio ad un vero e proprio show balistico che ha non poco messo a dura prova la pazienza dei tifosi casertani EXTRATERRESTRI. Il Coach farà ritorno a Sassari con queste 2 sicurezze ma sicuramente dovrà lavorare da buon psicologo su Easley apparso decisamente nervoso e su un Buzzy Thornton decisamente poco reattivo autore soltanto di 5 punti un pò pochini per lui. In ogni caso Sassari avrà l’ obbligo di vincere il prossimo turno per provare a confermare l’ ottimo piazzamento in vista delle Final8.

LA CRONACA IN BREVE: Starting Five: JuveCaserta: Maresca, Akindele, Jonusas, Gentile, Jelovac. Dinamo Sassari: Easley, T.Diener, D.Diener, Thornton, Ignersky

La sfida si apre subito con una palla a 2 lottata, conquistata da Akindele che dopo pochi secondi 9.47 va a griffare i primi 2 punti del match, la risposta è subito affidata a Sassari che colpisce con il proprio marchio di fabbrica, il tiro dall’ arco specialità di casa Diener. Ad 8.55 dalla fine il punteggio dice (2-8) complici prima una tripla e poi due liberi sempre firmati Thotnton. Prima Jonusas prova ad accorciare, ma Sassari sembra prendere in mano le redini dell’ incontro portandosi sul (10-19) prima con Trevis Diener e poi con Ignersky che costringono Coach Sacripanti a chiamare la prima sospensione del match. Il timeout pare avere gli effeti sperati infatti la Juve con un parziale di 4-0 si porta sul (14-19) grazie prima a Maresca e poi alla pesante inchiodata di Akindele. Il pubblico inizia a rumoreggiare per alcune decisione contestate, e D. Diener ne approfitta portando Sassari sul (16-22). Prima Jelovac e poi Mordente permettono a Caserta di chiudere la prima frazione sul (22-23). Apre il secondo quarto Devecchi, poi prima Mavreides, poi Michelori portano la Juve al sorpasso sul (26-25). Sassari pare non voler fermarsi dall’ arco infatti ancora una volta T.Diener pare decisamente incontenibile, ma Sergio e Akindele sulle ali del boato del Palamaggiò cercano di far scappare Caserta sul (42-37) con annesso gioco da 3 punti di Michelori. A 2:12 Akindele stoppa un Easley lanciato in schiacciata bimane, scintilla che innesca l’ ottimo parziale casertano culminato con l’ inchiodata dello stesso nigeriano sul (44-37). Il primo tempo si chiude con il botta e risposta di D.Diener e di Gentile per il (49-40) sulla scia di un parziale che nel secondo tempo recita 27-17. Il secondo tempo si apre con un appoggio di Gentile che vuol dire il (51-40), entrambi gli attacchi continuano a sciupare svariate occasioni. Quando il tabellone recita (55-46) gli arbitri comminano un fallo tecnico ad Easley, prima Mordente e poi Jonusas permettono a Caserta di toccare il massimo vantaggio (60-46) che poi ad 1:20 risulterà essere addirittura di 16 punti. Ma Sassari non molla mai, infatti il 4 quarto si apre all’ insegna dello show dall’ arco targato Sassari prima con Sacchetti e poi con T.Diener fino ad arrivare al (68-61). Jelovac prova a ricacciare via Sassari, ma i sardi non vogliono saperne di tornarsene in sardegna sconfitti e con Ignersky riducono lo svantaggio fino ai meno 5 (79-74). Ma è ancora una volta Jelovac ad allontare la cavalcata sassarese prima dalla lunetta e poi dall’ arco sull’ (84-74). Spazio necessario per gli ultimi attacchi Sassaresi fimati Thornton e il solito T.Diener, che si rilevano inutili dato che Caserta è troppo lontana nel punteggio, la partita si chiude sul (88-81) nell’ ovazione del rovente fortino bianconero.

A few words: Caserta ha firmato l’ ennesimo miracolo, Sacripanti e i suoi ragazzi sono stati fantastici ma c’è da rimarcare una nota negativa in questa spelendida giornata. Gli spettatori ( pochi ) del Palamaggiò, infatti 3000 presenze suppergiù sono davvero poche per una squadra del genere, oggi si attendevano molte più presenze che hanno deluso e non poco i soliti 2000 attacattissimi a questi colori. I casertani possono fare di più, o per meglio dire devono fare di più questa squadra lo MERITA!

JUVE CASERTA: Maresca 8, Jonusas 10, Mordente 14, Marzaioli, Salzillo, Michelori 6, Mavreidis 9, Akindele 9, Sergio 4, Gentile 12, Cefarelli, Jelovac 16. All.: Sacripanti.
DINAMO SASSARI:
Devecchi 5, Thornton 5, Ignerski 10, Diener Travis 25, Sacchetti 10, Diener Drake 20, Vanuzzo, Pinton, Di Liegro, Easley 6. All.: Sacchetti.

ARBITRI: Paternicò, Sardella, Borgioni.

NOTE: tiri da due: Caserta 23/40, Sassari 13/26. Tiri da tre: Caserta 6/20, Sassari 15/38. Tiri liberi: Caserta 24/28, Sassari 10/15. Falli: Caserta 19, Sassari 23. Usciti per falli: Easley (Sassari). Spettatori: 2902, per un incasso di euro 20.654.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *