Capo d’Orlando-Venezia, alla ricerca di due punti d’oro per obiettivi opposti.

Reyer - Capo d'Orlando: Zoltan Perl vs Phil Goss

Per la seconda giornata di ritorno del campionato di Beko Serie A si affronteranno domenica 24 Gennaio al PalaFantozzi di Capo d’Orlando (palla a due alle ore 18:15, diretta televisiva locale su SporTelevision) i padroni di casa della Betaland e l‘Umana Reyer Venezia. Sfida tra i piani bassi e i piani alti, con l’Orlandina alla ricerca di due punti salvezza, e una Reyer alla ricerca di continuità dopo il match vinto con la Virtus Bologna al PalaTaliercio.
 
Qui Venezia: Dopo la vittoria di domenica in casa con Bologna, mercoledì in Euro-Cup è arrivata la sconfitta contro Ludwigsburg, un match che ha mascherato la difficoltà degli uomini di Recalcati nella lotta a rimbalzo, per questo domenica esordirà il tanto atteso lungo Boris Savovic (qui la sua presentazione) in aggiunta al roster in attesa del recupero dall’infortunio di Hrvoje Peric. In Sicilia la Reyer vuole rialzare la testa ritrovando il feeling con la vittoria esterna in campionato, attesa dalla trasferta di Sassari alla 5a giornata di campionato, e non perdere ulteriore terreno con le prime posizioni per la rincorsa playoff.
 
Queste le parole di coach Carlo Recalcati nel pre-partita: “Lo ricordiamo dall’anno scorso quanto il campo di Capo d’Orlando sia rischioso specie quando loro sono in difficoltà. Andiamo lì con le antenne belle dritte, con umiltà, determinazione e dando il giusto rispetto ai nostri avversari. Anche perché stanno pagando i tanti infortuni ma tempo e modo per risalire ce l’hanno e quindi saranno agguerriti. Da parte nostra tornare a vincere in trasferta sarebbe una cosa importante anche perché se si vuol far strada, anche ai playoff, quella è l’unica via. Nonostante sia appena arrivato Savovic ha preso un po’ di conoscenza con i nostri giochi ed è sicuramente uno che le cose le capisce in fretta. Sono convinto che ci può dare una mano anche se per ora gli ho chiesto di concentrarsi in particolare sul ruolo di 4 per sopperire all’assenza di Peric. Fino ad ora chi ha fatto le spese dell’emergenza è stato soprattutto Viggiano che si è sacrificato molto spostandosi nel ruolo di 4 e che ora, tornando più nel ruolo di sua competenza, ci auguriamo che possa rialzare la qualità del suo rendimento.”
 
Qui Capo d’Orlando: Con soli otto punti all’attivo la formazione siciliana è ultima in graduatoria ed è a caccia di vittorie per allontanarsi dal fondo della classifica e allontanare la striscia negativa di risultati, 11 sconfitte nelle ultime 12 partite. I bianco-blu vorranno certamente rendere cara la pelle, riversando nelle mure amiche tutta la frustrazione accumulata negli ultimi tre match persi nettamente con Avellino, Pistoia e Cantù, con i soli otto punti conquistati che non lasciano un patrimonio di tranquillità nell’ambiente, conscio che quest’anno si dovrà sudare le proverbiali sette camicie per riuscire a conquistare la permanenza in Lega A. Gennaro Di Carlo, assistente di Griccioli, è stato promosso tre settimane fa proprio al posto del coach senese, esonerato dopo il filotto di sconfitte di Dicembre. La società è anche intervenuta sul mercato mettendogli a disposizione un nuovo giocatore, Keaton Nankivil, in uscita dal VEF Riga.
 
Queste le parole del coach Gennaro Di Carlo: “Se continuiamo a parlare di sfiducia, questa non se ne andrà mai e invece noi dobbiamo andare avanti. Se vogliamo disputare una partita convenzionale, inquadrando Venezia per il roster che ha e contrapponendolo al nostro, allora è meglio non giocare. Ma domenica non dovrà essere così: dobbiamo mettere sul parquet il carattere, dimostrando di essere degli uomini. E per farlo bisogna trovare il modo ed i mezzi per arginare difensivamente Venezia. Il PalaFantozzi dovrà diventare inespugnabile per chiunque: la rincorsa alla salvezza parte dalle nostre gare casalinghe. Voglia e capacità di lottare per avere buone percentuali di vincere. Voglio una Orlandina sporca, cattiva, irruenta e tenace”. Non c’è solo la lotta all’ultimo sangue, ma anche un aspetto tecnico da curare. Jasaitis – prosegue l’allenatore casertano – dovrebbe essere in campo, Nicevic non credo”. E dal mercato nessuna novità anche in questa settimana. “Non è facile, è complicato. In passato a Sant’Antimo ricordo che eravamo con l’acqua alla gola ma pescammo Bell e Kommatos e ci salvammo. Vogliamo un giocatore che possa aiutare a cambiare la mente e il nostro modo di pensare, ma anche altre squadre lo stanno cercando”. I ‘rumors’, sempre più insistenti, parlano di un Ilievski all’ultima spiaggia ed a rischio taglio se sarà ancora deludente. “Invece mi auguro – continua Di Carlo – che Ilievski faccia l’Ilievski perchè è un grande giocatore, un veterano e con una carriera che parla per lui. Io mi aspetto una grande partita. E non possiamo pensare di giocare contro Venezia vincendo 100-94; dobbiamo piuttosto cambiare atteggiamento e curare la difesa. Sarà una partita non bella, con poco ritmo, tante interruzioni, ruvida». Un appello al pubblico: «Non so quanta gente verrà, ma sono certo che chi ci sarà ci sosterrà, dandoci fiducia, forza, energia in questo periodo delicato. Siamo convinti che superando questo ostacolo le cose cambìeranno affinchè questa flebile fiammella possa diventare vero fuoco”.
 
Precedenti e curiosità: .BETALAND CAPO D’ORLANDO – UMANA VENEZIA 1-2 (1-0 a Capo d’Orlando) Capo d’Orlando non ha mai vinto alla 17° giornata nelle 4 stagioni di Serie A; Di Carlo-Recalcati nessun precedente / Di Carlo-Venezia nessun precedente / Recalcati-Capo d’Orlando 4-1; Venezia è la squadra che perde meno palloni (12.9 la media), Capo d’Orlando quella che ne perde di più (16.3) 1-3 il bilancio casalingo di Gianluca Basile contro Venezia, le 3 sconfitte sono state tutte con 5 punti di scarto (3-6 il bilancio complessivo); 6-11 il suo bilancio contro Recalcati Tomas Ress ha sbagliato gli ultimi 20 tiri da 3 tentati contro Capo d’Orlando (2/22 il totale, 7 vinte – 3 perse il bilancio) Ben Ortner è a -5 da 1000 tiri su azione realizzati (1818 tentati, 54.7%); Jeff Viggiano ha 11/14 da 2 e 0/12 da 3 in 3 gare contro l’Orlandina (2 vinte).
 
Dirigeranno l’incontro i signori Gianluca Mattioli, Gianluca Sardella e Denis Quarta.
 
© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *