Home Serie A Cantù: Ufficiale il rinnovo di Andrea Pecchia
Cantù: Ufficiale il rinnovo di Andrea Pecchia

Cantù: Ufficiale il rinnovo di Andrea Pecchia

0

Il rinnovo era già nell’aria da parecchio tempo, ora è ufficiale Andrea Pecchia sarà ancora un giocatore della Pallacanestro Cantù per un’altra stagione.

A comunicarlo è la stessa società biancoblu attraverso un comunicato stampa:

S.Bernardo-Cinelandia Pallacanestro Cantù è lieta di comunicare la conferma di Andrea Pecchia per la prossima stagione sportiva. In maglia canturina, l’esterno classe 1997 ha archiviato lo scorso campionato con 7.7 punti, 4.5 rimbalzi e 1.2 assist di media in poco meno di 25 minuti a gara.
Nell’ultima stagione Pecchia si è messo in luce come uno dei migliori giovani italiani del campionato, guadagnandosi la convocazione in Nazionale maggiore nel mese di febbraio e venendo nominato, in occasione della 12esima giornata di LBA, “Miglior Italiano” del turno.
«La conferma di Pecchia rappresenta un importante segnale di continuità che premia il lavoro della società» commenta Andrea Mauri, amministratore delegato di Pallacanestro Cantù.
«Siamo molto soddisfatti di proseguire il nostro percorso insieme ad Andrea» fa eco il general manager Daniele Della Fiori. «Pecchia ci potrà dare un importante contributo sfruttando l’esperienza e la sicurezza nei propri mezzi, acquisita con un anno di esperienza da protagonista in Serie A».
«La scelta di rimanere a Cantù – spiega Pecchia – è la migliore per il prosieguo della mia carriera. Qui mi sono trovato davvero bene e avevo il forte desiderio di continuare a lavorare con coach Cesare Pancotto, che ha sempre dimostrato di aver fiducia in me. A Cantù mi sono affezionato a tutti: dai tifosi allo staff, passando per i vertici societari, che hanno svolto un lavoro eccellente nella ripartenza. Ringrazio questa società, blasonata sia in ambito italiano sia europeo, per avermi permesso di arrivare sino alla Nazionale  maggiore. Avevo troppa voglia di continuare con questi colori e sono sicuro che ci divertiremo».