Cantù, Aradori: “Torno carico come una molla!”

AradoriDopo una settimana di stacco totale dopo l’esperienza degli Europei, Pietro Aradori e il “Cuso” si apprestano a tornare in Brianza e in un’intervista a La Provincia i due biancoblù ritornano sull’esperienza in azzurro e si apprestano ad affrontare la nuova stagione agli ordini di coach Sacripanti.

Queste le dichiarazioni di Pietro Aradori: “Sono alle terme sul lago di Garda in questi giorni di assoluto relax. Questa settimana di stacco ci voleva proprio perché dal 20 luglio per due mesi siamo stati impegnati tutti i giorni, con una serie di partite ravvicinate nell’ultimo periodo che è stata davvero massacrante. Dell’Europeo mi restano tantissime emozioni e la consapevolezza di essere stato protagonista. Oltre, ovviamente, alla legittima amarezza per come è andata a finire. Mentalmente potrebbe anche essere rimasta qualche scoria,ma questo è lo sport. Si vince e si perde. E a tutti noi dovrà servire da lezione. Intanto a Cantù torno carico come una molla, convinto che divertiremo molto tutti assieme“.

 

Sulla stessa lunghezza d’onda Marco Cusin:In Brianza faccio ritorno con un bello spirito e soprattutto torno per vincere il prima possibile visto che le ultime mie partite all’Europeo sono terminate con delle sconfitte. Sinceramente ho chiuso gli Europei stanco fisicamente perché non avevo mai provato a giocare dieci partite in quindici giorni, anche perché sono stato in campo a lungo e non ci ero più abituato. Mentalmente ora sto un po’ meglio perché in effetti la delusione nei primissimi giorni è stata enorme. Ora però ho voltato pagina. Sacripanti è venuto a parlarci il giorno di Italia-Spagna e lì abbiamo concordato il programma in vista del nostro rientro. Da sabato  saremo di nuovo biancoblù a tutti gli effetti

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *