Home Serie A Brindisi. Vitucci: “Terzo quarto decisivo. Abbiamo bisogno di tempo per assumere una chiara identità”
Brindisi. Vitucci: “Terzo quarto decisivo. Abbiamo bisogno di tempo per assumere una chiara identità”

Brindisi. Vitucci: “Terzo quarto decisivo. Abbiamo bisogno di tempo per assumere una chiara identità”

0

Esordio in campionato con sconfitta al PalaTaliercio contro i padroni di casa dell’Umana Reyer Venezia per l’Happy Casa Brindisi con il risultato di 75-67.

Questo il commento a fine partita di coach Francesco Vitucci.

Sapevamo che era una partita molto difficile per il livello dell’avversario che in questo momento ci è superiore. Un buon nostro primo tempo dal punto di vista difensivo anche se con basse % al tiro, la Reyer è stata molto brava nella seconda parte del terzo quarto a fare lo strappo decisivo quando noi abbiamo sbagliato alcune transizioni e alcune soluzioni aperte con tiri da tre punti ben distribuiti. Due attacchi al ferro consecutivi di Tonut hanno dato lo strappo che alla fine si è rivelato quello decisivo. Anche con tiri abbastanza buoni abbiamo sprecato troppo, e chiaramente quando affronti squadre così bisogna riflettere su quei quattro-cinque minuti di appannamento che ci sono costati la partita. Chiaro che il terzo quarto subendo 27 punti è stato alla fine decisivo.” 

Brindisi è rimasta attaccata al match anche sotto di 16 rimontando 10 punti nell’ultimo quarto.
“A differenza della Reyer siamo il contrario, in quanto abbiamo cambiato per molti motivi molti giocatori e i meccanismi e la conoscenza reciproca non sono nemmeno paragonabili a Venezia, su questo dobbiamo lavorare e solo il tempo aiuta. Siamo una squadra abbastanza diversa dall’anno scorso che ha bisogno di
tempo per assumere una più chiara identità. Chiaramente il campionato è iniziato e ci aspettano partite estremamente delicate.”