Brindisi passa al Palavela: alla Fiat il cuore non basta

FIAT AUXILIUM TORINO VS FRAPORT SKYLINERS FRANKFURT / 7 DAYS  - EUROCUP

Match lunch di autentica battaglia al PalaVela: dopo 40′ di basket fatto di tanti contatti e tantissimi errori ad aver la meglio è Brindisi, che manda ko la Fiat Torino che si conferma in una situazione di autentica emergenza.

In una partita a bassissime percentuali a far la differenza è stata la presenza di spirito negli ultimi possessi nei quali Moraschini ha siglato il canestro che ha deciso la partita, a suggellare una partita dell’italiano da autentico MVP frutto di un tabellino quasi immacolato (6/7 al tiro per 15 punti).

La Fiat innegabilmente in difficoltà vista la miriade di infortuni e l’esordio dei nuovi acquisti Jaiteh e Portannese, non ancora inseriti a dovere nei meccanismi, ha provato a rispondere colpo su colpo: nel quarto periodo, Poeta, esempio ancora una volta per abnegazione e coraggio con 8 punti ci ha provato, ma il suo sforzo non è stato sufficiente per portare a casa i due punti.

Brindisi si è dimostrata più cinica e nonostante le 21 palle perse, che in una partita a basso punteggio dovrebbero equivalere ad una “sentenza di condanna”, ed ha portato a casa i due punti che la fanno volare nelle posizioni “nobili” della classifica.

Partita maschia sin dalla palla a due anche con il benestare della terna arbitrale, coerente con questo metro sino alla sirena conclusiva: Brindisi domina rimbalzo (24-11 a metà partita) ma il suo attacco è involuto, anche per meriti della Fiat che sa di dover difendere forte per avere qualche chance di vittoria.

Il problema è che a difesa schierata anche l’attacco dei giocatori di Brown è pessimo: ciò si riflette sulle percentuali di tiro, basse per entrambe le squadre, con le eccezioni individuali di Taylor da una parte, e Moraschini e Clark dall’altra.

Bastano però due sequenze offensive di discreto livello per piazzare un break: Brindisi va sul +6 grazie a due bombe consecutive (25-19) ma nei successivi 6′ e 24” prima della sirena segna solo sei punti, consentendo di ritornare in scia alla truppa di Brown che butta nella mischia Portannese e Jaiteh.

Al rientro (31-32) Brindisi prova nuovamente a scappare via, grazie ad un inizio super di Brown, che in post mostra la propria classe: Taylor non trascina più la squadra, allora la squadra fa quadrato e una sequenza di triple consente alla Fiat di ritornare in partita e, anzi, di passare in vantaggio (48-46 con Carr).

Nel quarto periodo il silente ma letale Banks punisce le distrazioni a rimbalzo della Fiat, così come fa Chappell che nel finale segna una tripla fondamentale. Wilson, abulico per tutta la partita, segna la tripla del 62-64 ma Moraschini segna con freddezza e ciò vale i due punti per Brindisi e all’ex Trento, il titolo di MVP.

Per coach Vitucci la vendetta dell’ex è servita, proprio come lo scorso anno.

Torino-Brindisi 66-72

Torino: Murri ne, Anumba 3, Portannese 6, Poeta 12, Carr 11, Rudd 12, Taylor 14, Wilson 6, Cusin ne, Delfino ne, Jaiteh 2. Coach:Brown

Brindisi: Banks 17, Rush 1, Moraschini 15, Brown 10, Chappell 11, Gaffney 1, Cazzolato ne, Zanelli 3, Capoccia ne, Clark 12, Woiciechowski 2, Taddeo ne. Coach Vitucci