Avellino prima trema, poi domina e vince. Pistoia molla nel finale

La Sidigas Avellino batte la The Flexx Pistoia in una gara avvincente, che gli ospiti hanno dominato per tre quarti, conducendo anche di 13 lunghezze. Quando i toscani hanno iniziato a calare fisicamente, Avellino è rientrata in partita, schiantando gli avversari e dilagando negli ultimi minuti.

Gli uomini di Esposito hanno interpretato una gara perfetta per tre quarti, bloccando gli esterni biancoverdi e limitando il colossale Fesenko con il fallo quasi sistematico. Trovata la prima tripla dell’incontro con Ragland alla fine del terzo periodo, Avellino si è sbloccata e, addentata la preda, non l’ha più mollata.

Alla fine il miglior marcatore per i biancoverdi è risultato Randolph, ma sono stati soprattutto Obasohan, Ragland e Green (10 punti, 7 assist e 6 palle recuperate) a suonare la carica nella seconda parte dell’incontro.

Per Pistoia buone prove di Moore, Boothe e l’ex Crosariol, mentre Hawkins ha avuto una sola fiammata, scomparendo dal gioco alla distanza e perdendo palloni importanti. Alla fine sono ben 22 palle perse per i giocatori di Esposito, con 25 falli fatti contro 13 ed una impietosa valutazione di 117 a 45 per Avellino.

A differenza delle ultime uscite Pistoia esce bene dai blocchi e, grazie anche a due triple di Moore, si porta avanti 6-13 dopo quattro minuti. Obasohan si erge subito a protagonista, segna otto punti e permette ad Avellino, con un parziale di 12-0, di andare avanti 18-13 dopo sei minuti. La gara è giocata a grande velocità e altre due triple di Cournooh e Petteway, permettono ai biancorossi di chiudere in vantaggio il primo quarto.

Buon inizio anche nel secondo periodo, con Pistoia che gioca con autorità ed intensità ed i biancorossi che vanno addirittura avanti 28-41 dopo 6 minuti. Un erroraccio di Hawkins in attacco, permette ad Avellino di accorciare le distanze e chiudere sotto di otto lunghezze. Pistoia tira con il 48%, contro il 38% degli avellinesi (0/9 da tre punti), catturando un rimbalzo in più dei padroni di casa (20/19), ma perdendo 9 palloni contro 5.

Avellino ci prova, realizza un parziale di 8-0 e si avvicina sul 38-43, ma una fiammata di Hawkins e un paio di giocate di Boothe, permettono ai biancorossi di rimanere avanti 40-51 a metà periodo. Due palle recuperate da Green su Hawkins, permettono ad Avellino di realizzare la prima tripla dell’incontro e con un break di 5-0, chiude il periodo sotto di solamente sei lunghezze.

La squadra di Sacripanti parte con grandissima intensità nell’ultimo periodo, sbloccandosi dalla lunga distanza e trovando il vantaggio con un gioco da tre punti di Obasohan ed allungando fino al 67-59 dopo sei minuti di gioco. Pistoia molla mentalmente e fisicamente e gli uomini di Sacripanti hanno vita facile a chiudere in scioltezza una gara che, solo pochi minuti prima, sembrava gravemente compromessa.

MVP: R. Obasohan, 19 punti, 7/9 ai liberi, 6 rimbalzi, 5 palle recuperate, 7 falli subiti e 28 di valuazione.

Sidigas Avellino – The Flexx Pistoia 83-67 (22-25 / 35-43 / 49-55)

Sidigas Avellino: Green (10), Leunen (0), Fesenko (3), Obasohan (19), Randolph (22), Ragland (15), Parlato ne, Cusin (14), G. Zerini (0), Severini (0). All. Pino Sacripanti

The Flexx Pistoia: Moore (11), Petteway (13), Hawkins (8), Crosariol (10), Boothe (12), Antonutti (2), Cournooh (6), Lombardi (2), Magro (3), Solazzi (0). All. Vincenzo Esposito

6 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *