Avellino ospita la Virtus del grande ex Sacripanti

Ufficio Stampa Scandone Avellino

Sfida interessante ad Avellino nella terza giornata di Serie A: la Sidigas ospita la Virtus Bologna del grande ex Sacripanti. Entrambe sono reduci da due facili vittorie in Champions League.

QUI AVELLINO

Dopo l’agevole trasferta in Germania, la Sidigas si rituffa in campionato (nella prima partita al PaladelMauro in serie A quest’anno), che ha visto gli irpini inciampare abbastanza a sorpresa contro Cremona. Per farlo si affiderà come come sempre al leader Cole. Ancora fermi per infortunio Campani e Campogrande. Queste le parole in sala stampa di coach Vucinic: “nonostante la buona performance in Germania, siamo ancora in fase di reazione dall’ultima sconfitta rimediata contro Cremona. Non siamo contenti di come abbiamo perso la partita e, come ho detto, dobbiamo rifarci della sconfitta. Dobbiamo migliorare alcuni aspetti del nostro gioco. Abbiamo fatto dei passi avanti a Ludwigsburg ma dobbiamo trattare le due competizioni separatamente: la Serie A è molto importante per noi e perdere a Cremona, con la partita praticamente già in pugno, non ci è piaciuto per niente.

Domenica affronteremo la Virtus Bologna, una squadra forte, costruita per essere competitiva e per finire tra le prime posizioni in classifica. Fanno molto affidamento sul pick and roll e sui giochi in post alto, non facili da contenere a causa della loro grande fisicità: sarà decisamente una sfida velocità contro fisicità e credo che la decideranno l’impegno e le individualità dei singoli.

QUI VIRTUS

Come per Avellino, anche Bologna dopo aver perso la sua prima gara in Italia, ha vinto e convinto in Champions contro Oostende. C’è grande attesa per il ritorno di Sacripanti nella sua Avellino, che l’ha visto al comando della Scandone per tre stagioni prima dell’approdo a Bologna. Sacripanti presenta così la sfida di domani: “ad Avellino ci aspetta una partita di livello altissimo, e in campo ci saranno giocatori che fino alla passata stagione non si vedevano in Italia. La Sidigas ha tenuto giocatori solidi, uomini che conosco bene come Ndiaye, Filloy, D’Ercole. E’ un campo difficile, il pubblico si fa sentire molto e c’è tanta attesa. Andiamo ad Avellino senza Brian Qvale, il nostro capitano. Lo ha fermato una contrattura muscolare, che all’inizio ci sembrava una cosa molto banale. Non partirà, preferiamo che recuperi con gradualità. Sarà un’assenza, ma andiamo a giocare una partita di mentalità e non cerchiamo alibi”.

“Per me sarà una partita particolare, non lo nascondo. Contro una squadra e un club a cui sono affezionato, e davanti ad un pubblico che mi ha dato tanto, Non sempre è facile scindere il lavoro dagli affetti, e io amo vivere la realtà in cui sto lavorando. Dalla palla a due, comunque, sarà partita e ci concentreremo tutti su quella”.

Al PaladelMauro di Avellino si gioca domenica 21 ottobre alle ore 18.30.