fbpx

A Trieste trasferta insidiosa per l’AX Armani Exchange Milano

La 3°giornata di ritorno di LBA vede affrontarsi Allianz Trieste e AX Armani Exchange Milano. Palla a due domani alle ore 17.30 all’Allianz Dome di Trieste, live streaming Eurosport Player.

Trieste è penultima in classifica, con 10 punti e ha una striscia aperta di 2 sconfitte consecutive, maturate nei minuti finali. Con l’arrivo dello sponsor e dei nuovi innesti in squadra, cerca il tutto per tutto per mantenere la categoria, per poi poter ripartire con un nuovo progetto la prossima stagione. In settimana sono tornati a disposizione di coach Dalmasson anche Matteo Da Ros e Dequan Jones, quindi un americano rimarrà fuori roster. Non ci sarà più Arturs Strautins che è andato recentemente a rinforzare le fila dell’Old Wild West Udine, in serie A2 Est.

Milano è quinta in classifica, con 22 punti ed è volata direttamente da Istanbul a Trieste. Quella contro il Fenerbahce è la 4° sconfitta consecutiva tra campionato ed Eurolega. Ettore Messina non potrà contare su Jeff Brooks e Riccardo Moraschini, infortunati, e dovrà lasciare a riposo 2 stranieri.

I precedenti tra le due squadre sono recenti, iniziano dal campionato scorso, e sono tutti favorevoli ai meneghini. Negli anni sono state innumerevoli le connessioni tra Milano e Trieste e alcune molto amare per i tifosi giuliani. In passato molti giocatori importanti sono passati da Trieste a Milano, ma ora la tendenza è invertita e gli ex sono solo nel roster alabardato: Daniele Cavaliero e Ricky Hickman.

Le squadre che si scontreranno domani saranno diverse rispetto all’andata. I padroni di casa hanno iniettato nella rosa un bel po’ di esperienza, mentre per gli ospiti l’arrivo di Keifer Sykes in cabina di regia ha portato una ventata di energia. L’Allianz Trieste potrà contare sul supporto dei propri tifosi, che fungeranno da sesto uomo e proveranno a spingere i propri beniamini all’impresa, mentre l’Armani Milano dovrà rimanere concentrata su tutti i 40′ per portare a casa i due punti.

Queste le parole di coach Eugenio Dalmasson prima della gara:

Dal confronto con la Openjobmetis, nonostante l’amarezza per la sconfitta, usciamo con la consapevolezza che,  se lottiamo fino all’ultimo, ce la possiamo giocare anche su parquet complicati come quello di Masnago. Tutto ciò aumenta la fiducia rispetto all’idea di ciò che siamo e possiamo fare assieme: la prospettiva non può che essere di miglioramento.

Il calendario, è ricco di insidie: di fronte a noi, ci troviamo un trittico davvero da brivido. Milano non ha di certo bisogno di presentazioni e, dopo il confronto con le “Scarpette Rosse”, dovremo affrontare la seconda e la terza della classe, ovvero Sassari e Brescia.

L’AX Armani Exchange Milano ha voltato pagina con l’arrivo di Ettore Messina, facendo partire un nuovo progetto basato su giocatori importanti. Di questi, molti sono di formazione europea e hanno grande conoscenza delle dinamiche del nostro campionato, oltre che dell’Eurolega. Attualmente il rendimento di Milano può essere condizionato dal doppio impegno, ma anche dal fatto che hanno tanti giocatori nuovi: tutto questo fa spendere molte energie, sia mentali che fisiche, ed è inevitabile che ciò incida sul rendimento in campionato.

Ettore Messina ed io siamo cresciuti cestisticamente nella stessa città. Essere l’uno di fronte all’altro, dopo tanti anni, è un qualche cosa che mi da gioia e che, per me, rappresenta un onore: credo che Ettore Messina, negli ultimi anni, sia stato un punto di riferimento per tutto il movimento cestistico per quello che ha fatto in Italia, in Europa e addirittura negli Stati Uniti. Possiamo certamente dire che rappresenti il meglio del nostro movimento e, non per niente, guida la squadra che è un po’ la punta di diamante del basket italiano”.