San Antonio riprende la marcia, Miami troppo forte per NY, Denver ci prova ma cade all’OT

Notte di pallacanestro americana, come al solito condita da partite e giocate spettacolari, che fanno della NBA la migliore lega di basket del mondo. Vi proponiamo il consueto recap sui match delle franchigie in cui sono presenti i nostri azzurri.

MEMPHIS-SAN ANTONIO 92-112

Dopo lo stop di Oklahoma, che ha interrotto la striscia vincente di 19 vittorie consecutive, San Antonio riprende la marcia e vince contro Memphis. Primo quarto folgorante per gli Spurs che mettono subito in ghiaccio il match grazie al super parziale di 10-26, trascinati dalla coppia Leonard-Ginobili autori di 26 punti a testa. Il nostro Marco Belinelli mette a referto 5 punti in 19 minuti in cui è sceso sul parquet, tirando con 1/5 dal campo, collezionando inoltre un rimbalzo e quattro assist, perdendo tuttavia tre palloni. Per i Grizzlies non bastano i 20 punti di Johnson.

NEW YORK-MIAMI 92-101

Secondo stop consecutivo per i Knicks, che devono ora compiere un mezzo miracolo per agganciare Atlanta all’ultimo posto utile per agganciare la zona playoff, distante ora due vittorie. New York parte forte e giunge anche sul + 13, sulle ali di un positivo J.R.Smith a quota 32 punti, ma Miami ricuce sul -2 di fine secondo quarto per poi scappare via nella terza frazione. Si accende infatti Lebron James, che chiude con una prova monstre da 38 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, e Miami prende un vantaggio rassicurante che le permette di gestire il finale di gara, nonostante i tentativi di rientro dei Knicks traditi dalla propria stella Anthony con 4/17 dal campo e 13 punti in cascina.

DENVER-HOUSTON 125-130

I Rockets devono sudare le proverbiali sette camicie per battere i mai domi Nuggets, guidati da uno straordinario Brooks autore di una doppia doppia da 24 punti e 15 assist. Houston parte bene, piazzando nel secondo quarto un pazzesco break di 22 punti, trascinati dal solito Harden anch’egli in doppia doppia con 32 punti e 10 assist,  che metterebbe al tappeto un toro. Ma non è così per Denver, che al rientro dagli spogliatoi esce fuori le unghie ed i denti, ricucendo incredibilmente il distacco grazie alla verve di Forunier, a tabellino a quota 26 punti. La gara rimane in equilibrio e così l’overtime è inevitabile. Nel supplementare i Rockets riescono ad avere la meglio, sospinti dalla forza ed energia sotto le plance di un inarrestabile Omer Asik, che raccoglie la bellezza di ben 23 rimbalzi. Le 21 palle perse condanno i Nuggets al K.O.

ALTRI RISULTATI DELLA NOTTE:

LAKERS-CLIPPERS 97-120

DALLAS-SACRAMENTO 93-91

ATLANTA-INDIANA 107-88

UTAH-GOLDEN STATE 102-130

OKLAHOMA-PHOENIX 115-122

NEW ORLEANS-PORTLAND 94-100

7 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *