Home NBA NBA Preview – Central Division: the King is here, scalpita D-Rose

NBA Preview – Central Division: the King is here, scalpita D-Rose

0

Prosegue la presentazione dei rinnovati roster NBA che prenderanno parte alla spettacolare stagione 2014/15. Sotto la nostra lente d’ingrandimento la Central Division nella quale i Cavaliers di sua maestà LeBron James e i Bulls dell’ex MVP Derrick Rose catalizzeranno gran parte dell’attenzione.

Cleveland Cavaliers
Probabile Quintetto: Irving, Waiters, James, Love, Varejao
Ranking: Contender
In tutti gli Stati Uniti non si fa altro che parlare di loro; i Cavaliers, dopo aver vinto nuovamente la lottery, hanno

allestito un team pronto a trionfare da subito. LeBron è tornato a casa, con tanto di canotta n°23, ed è intenzionato a completare la sua collezione di anelli. I suoi nuovi delfini si chiamano KyrieIrving, il migliore di Team USA insieme a Faried durante i Mondiali da poco terminati e Kevin Love, l’arma ancestrale in grado di aprire il pitturato delle difese avversarie. Per arrivare all’ex Minnesota Cleveland ha dovuto sacrificare le due prime scelte delle ultime stagioni Bennett ma soprattutto Wiggins. Ecco quindi che si è andata a configurare la più classica delle configurazioni “win or die”. A completare un roster di livello ecco sotto le plance Varejao e Thompson (in attesa di un lungo di completamento), il “torello” Waiters, “The Matrix” Shawn Marion e due fedelissimi del Prescelto, Mike Miller e James Jones. Di sicuro i favori del pronostico ad Est sono tutti dalla loro, nelle Finals (qualora ci arriveranno) poi si vedrà….

 

Chicago Bulls
Probabile Quintetto: Rose, Butler, Dunleavy, Gasol, Noah
Ranking: Contender
In una Eastern Conference sempre più di secondo livello rispetto all’agguerritissima Western, Cleveland si trova in casa la più accreditata rivale. I Chicago Bulls finalmente posso riabbracciare DerrickRose e dalle condizioni del MVP più giovane della storia dipenderà molto la lunghezza del cammino dei tori. I playoff neanche in caso di cataclismi sono in discussione, Thibodeau può contare sotto le plance dei senatori Noah e Gibson oltre a Mirotic e PauGasol (lo scambio indiretto coi Lakers è indubbiamente vantaggioso). Proprio l’amalgama tra il francese e lo spagnolo potrebbe far scaturire qualche dubbio, data la precedente esperienza del catalano in coabitazione nel pitturato, ma Joaquin non è Howard e la concomitanza non dovrebbe essere controproducente. Con un back-up di play che ad Hinrich vede aggiungersi AaronBrooks, i punti deboli dei Bulls sembrano essere gli slot 3 e 2: nella posizione di ala piccola si auspica una veloce esplosione del rookie McDermott (a quel punto Dunleavy scalerebbe in panca), mentre in guardia Jimmy Butler appare davvero troppo poco per essere competitivi per i massimi anche se il più che positivo Tony Snell visto alla Summer League lasciano ben sperare. Rumors parlano di Kevin Martin o addirittura Ray Allen, a quel punto si che Chicago partirebbe (con Rose al 100%) alla pari con Cleveland.

Indiana Pacers
Probabile Quintetto: Hill, Stuckey, Singleton, West, Hibbert
Ranking: Lotta Playoffs
Dodici mesi di passione. Ecco cosa attenderà Larry Bird, coach Vogel e tutti i tifosi Pacers. Con la partenza di Born Ready, oltre a quella del mai integratosi Evan Turner e il terribile infortunio occorso a Paul George, il destino della franchigia dell’Indiana è riposto tutto o quasi nelle manone fragili di Roy Hibbert. George Hill e David West proveranno a dare il loro consueto apporto ma tutto questo è certamente ben poco, soprattutto paragonato a quello che si aveva a disposizione fino agli scorsi playoff. Il livello in discesa della Eastern gioca dalla loro, e nonostante un mercato avaro di liete sorprese – con Stuckey il nome più di rilievo – i “canarini” possono comunque puntare ad un biglietto per la post season, sempre che lo spogliatoio non imploda del tutto…

Detroit Pistons
Probabile Quintetto: Jennings, Butler, Smith, Monroe, Drummond
Ranking: Lottery
La franchigia peggio assortita di tutta la lega proverà a trovare il proprio bandolo della matassa nella stagione a venire. La coesistenza dei tre lunghi è pressoché impossibile ma, data l’incedibilità di Drummond, la qualifying offer accettata da Monroe e l’ingaggio spropositato percepito da Smith, i margini per una trade sono molto risicati. Se a ciò vogliamo aggiungere che Brandon Jennings non sarà mai quel play in grado di innescare a dovere i lunghi, ecco un quadro abbastanza desolante nonostante nomi di rilievo. Con il mercato sono approdati nella mo-town l’usato garantito Caron Butler e quello meno garantito Jodie Meeks, oltre all’altalenante D.J. Augustin. Gli spazi per il nostro Datome sembrano ancora più risicati e le percentuali di taglio vanno di giorno in giorno ad aumentare. In questo scenario la scelta più saggia pare essere stata quella di Chauncey Billups, che ha annunciato il proprio ritiro dall’agonismo dopo una carriera costellata di successi, su tutti l’anello del 2004, ma quelli erano ben altri Pistons…

Milwaukee Bucks (a cura di Manuel Santangelo)
Probabile quintetto: Knight, Mayo, Parker, Antetokoumnpo, Sanders
Ranking:Lottery
Ragazzi terribili e simpatici quest’anno a Milwaukee. No, non stanno girando il sequel di “Happy Days”, la notizia è che i giorni felici potrebbero tornare, almeno sul parquet, tra un pò di tempo se le cose andassero secondo le previsioni. Tra le squadre in rebuilding quasi totale i Bucks sembrano essere tra quelle con le idee più chiare. Alla faccia di chi li vorrebbe sempre sul punto di scomparire (a vantaggio di Seattle?), i Cervi possono contare sulla sorpresa dello scorso Draft Antetokumnpo (lo ammetto, ancora uso il copia e incolla piuttosto che arrischiarmi a scriverlo..) atteso ad un ulteriore salto di qualità e su uno dei ragazzi d’oro dell’ultima pesca: Jabari Parker sembra il più pronto a dare impatto da subito nella lega e il fatto che sia un bravo ragazzo mormone lo aiuterà a non deprimersi quando le fredde serate del Winsconsin si riveleranno meno interessanti di quelle angeline. La grande scommessa che può far cambiare la stagione dei Bucks è però Larry Sanders: una volta meraviglioso stoppatore che dopo una stagione non esaltante cerca riscatto. Ai ragazzi viene affidato un altro giovane della panchina: Jason Kidd è cresciuto molto durante la stagione come coach dei Nets e ora spera di crescere ancora senza le pressioni della Grande Mela. Aggiungete al tutto solidi panchinari come Bayless, Dudley, Marshall(sicuri a Los Angeles di non averne proprio bisogno come cambio?) e si creano presupposti interessanti. Poi ci sarebbe O.J Mayo che i punti li fa ancora, anche se non è un mostro di affidabilità(peccato). Partono in sordina ma se tutto va bene il processo di rinascita potrebbe essere più breve di quanto si pensi.

A seguire i link per consultare tutti i Preview sulle Division della prossima stagione NBA.

Western Conference:
Northwest Division
Pacific Division
Southwest Division

Eastern Conference:
Atlantic Division
Central Division
SoutEast Division

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata