Home NBA NBA Playoffs – Westbrook senza fine. Restituito il ‘favore’ ai Clippers. Sussulto Wizards a Indiana

NBA Playoffs – Westbrook senza fine. Restituito il ‘favore’ ai Clippers. Sussulto Wizards a Indiana

0

Nella notte NBA gli Oklahoma City Thunder trascinati da un Westbrook sopra le righe (38) e dal solito Durant (27) si buttano alle spalle il brutto ko di Los Angeles e con un 104-105 piegano la resistenza dei Clippers, riprendendosi il comando della serie. Fallisce il primo match point, invece, Indiana che inciampa in una delle sue più brutte prestazioni di questi Playoffs. Ringrazia Washington che

porta a casa la vittoria e ritrovando il morale.

 

LA Clippers @ Oklahoma City 104-105 (2-3 nella serie)
Gli Oklahoma City Thunder si riprendono psicologicamente dalla brutta batosta dall’ultima gara e battono i Clippers nell’ennesima gara all0ultimo respiro di questi NBA Playoffs. Una gara emozionante, e non senza polemiche nel finale tra falli sanzionati ed altri no, con i Clippers per lo più del tempo in controllo de match e che hanno trovato già nel primo periodo la doppia cifra di vantaggio con la schiacciata di Griffin che vale il 22-12 dopo 7′ di gioco. Los Angeles vola addirittura sul +15 (30-15) prima che il fantastico duo dei Thunder entri in partita. Neanche a dirlo dopo 5′, con KD che s’infiamma, è 38-39 OKC. Los Angeles, però, gioca di squadra e prima Griffin sotto canestro e poi la tripla di Crawford, su imbeccata di Paul permettono ai Clippers di allungare ancora sul 58-52 in prossimità dell’intervallo. La partita procede su questa falsa riga per tutto il terzo periodo e gli uomini di Doc Rivers danno l’impressione di aver già portato a casa la vittoria quando a 44” dalla fine controllano 104-97. Non la pensano alla stessa maniera Westbrook e Durant. Russell serve KD per una tripla delle sue ed è ancora Westbrook, dopo l’errore al tiro di Crawford, a servire Durant direttamente dal rimbalzo per il canestro in contropiede del -2 (104-102) con 11” ancora da giocare. Il thriller prosegue con la rubata di Westbrook su Paul dopo la rimessa. E’ lo stesso numero 0 dei Thunder a procurarsi il fallo sul tiro da tre punti (lo stesso che sbagliò in Gara-4) del malcapitato Paul scatenando l’ira di coach Doc Rivers per la beffarda chiamata. Westbrook è perfetto e con il suo 3/3 riporta i Thunder incredibilmente avanti 104-105 con Los Angeles che ha ancora tempo per costruire l’ultimo tiro. Paul, in penetrazione, perde palla reclamando il fallo. La sanzione non arriva ed a Oklahoma City possono tirare un sospiro di sollievo. Indiscusso MVP della partita Russel Westbrook in formato All-Star con i suoi 38 punti, 6 assist, 5 rimbalzi e quell’intensità di gioco che ha permesso la rimonta dei Thunder. Per Kevin Durant doppia doppia da 27 punti e 10 rimbalzi con 5 assist a condire il tutto. Nessun’altro giocatore di OKC in doppia cifra è un dato eloquente della struttura di questa squadra. Per i Clippers, che di uomini in doppia cifra ne contano ben 5, questa volta non posson bastare i 24 con 17 rimbalzi di Griffin e i 17 con 14 assist di Chris Paul. Ne mette 19 Crawford anche se molte delle sue scelte al tiro risultano alquanto discutibili (7/22). 16, invece, per Barnes con un 4/5 da 3.

Thunder: Durant 27, Ibaka 8, Perkins 2, Sefolosha 8, Westbrook 38, Collison 2, Jackson 8, Adams 9, Butler 3;
Clippers: Barnes 16, Griffin 24, Jordan, Redick 16, Paul 17, Davis 4, Collison 1, Crawford 19, Dudley, Granger 7.

Washington @ Indiana 102-79 (2-3 nella serie)
I Wizards non mollano la presa e, approfittando di una delle peggiori uscite di questi Playoff di Indiana, si rendono protagonisti di una gran prova d’orgoglio che gli consente di allungare la serie almeno a Gara-6. Pacers rimandati in ogni settore del campo ma soprattutto, e ancora una volta, sotto canestro con Gortat che ha annichilito, con la sua doppia doppia da 31 punti e 16 rimbalzi, un Roy Hibbert tornato quello timoroso di qualche giornata fa con soli 4 punti e 2 rimbalzi. Prestazione eccellente anche per John Wall che di punti ne mette a segno 27 ai quali combina anche 5 assist e 5 rimbalzi. Dall’altra parte gli unici a salvarsi sono stati West (17) e Paul George (15) ma altresì protagonista in negativo di una serata da 5/15 dal campo. Washington è fin dalle prime battute della gara la squadra che detta i ritmi di gioco e in chiusura di primo quarto vola già sul 25-17. George e compagni trovano la scossa e con un parziale di 10-0 ribaltano la situazione ma l’emorragia sotto canestro non consente loro di prendere in mano la gara. Gortat, infatti, sotto canestro va liscio come l’olio e la tripla di Wall riporta gli ospiti sul +10 (45-35) ad 1′ dalla fine del primo tempo. Indiana difende male e Washington, con due ondate, prima si porta sul 51-43 e poi allunga definitivamente sul 64-47 a 3:21 dalla fine del 3Q costringendo Indiana alla sospensione. I giochi si chiudono definitivamente, ove mai fossero stati aperti, con la tripla di Wall che fissa il punteggio sul 74-51. Il resto è ordinaria amministrazione.

Wizards: Ariza 10, Nene 4, Gortat 31, Beal 18, Wall 27, Webster 2, Miller 2, Harrington 4, Porter 2, Temple 2;
Pacers: George 15, West 17, Hibbert 4, Stephenson 9, Hill 3, Mahinmi 2, Turner 2, Scola 5, Watson 7, Copeland 9, Allen 2, Butler 2, Sloan 2.

 

 

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata