NBA – il primo giorno di free agency è stato caldissimo : ecco tutti i nuovi contratti siglati e le trade

NBA - Slide La prima giornata di free agency è stata caldissima, abbiamo assistito a quasi trenta contratti siglati, tra cui alcuni molto importanti per il futuro di molte franchigie NBA.

Le cifre dei rinnovi, a prima vista, spaventano tutti ma va considerato un aspetto di fondamentale importanza. E’ stato infatti stipulato quest’anno un accordo sui diritti TV di circa 2,6 miliardi di dollari, che aumenterà sensibilmente il BRI (introiti della lega) con la conseguenza che il salary cap di tutte le franchigie NBA subirà una impennata notevole già a partire dalla stagione ’16/‘17. 

 
Se infatti il salary cap per la prossima stagione si aggirerà attorno ai 67 milioni di dollari, negli anni successivi, sarà destinato ad alzarsi ancora di più. Si prevede infatti che per la stagione 2016/17 si alzerà fino ai circa 90 milioni e, nella stagione seguente (17/18), si raggiungerà una cifra ancora maggiore che potrebbe toccare quota 108 milioni

 
Dopo questa premessa si capisce come i contratti dei giocatori saranno destinati ad aumentare e in questa ottica alcuni accordi raggiuntiieri, per certi versi reputati “esagerati”, hanno più che un senso logico.
 
Ecco l’elenco di tutti gli accordi contrattuali raggiunti nella gionata di ieri :
 
  • Anthony Davis, tramite la Rookie Extension, firma un quinquennale da 143 milioni di dollari rimanendo ai Pelicans.
  • Damian Lillard, tramite la Rookie Extension, firma un quinquennale da 129 milioni di dollari rimanendo a Portland.
  • Kawhi Leonard rimane agli Spurs firmando un quinquennale da 90 milioni di dollari.
  • Al-Farouq Aminu si lega a Portland per 4 anni con un contratto 30 milioni di dollari.
  • Brook Lopez rimane ai Nets firmando un triennale da 60 milioni di dollari.
  • Thaddeus Young rimane ai Nets con un contratto quadriennale da 50 milioni di dollari.
  • Mike Dunleavy rimane a Chicago firmando un triennale da 14 milioni di dollari.
  • DeMarre Caroll lascia Atlanta approdando a Toronto con un quadriennale da 60 milioni di dollari.
  • Kris Middleton rimane ai Bucks siglando un quinquennale da 70 milioni di dollari.
  • Danny Green resta a San Antonio firmando un quadriennale da 45 milioni di dollari.
  • Goran Dragic resta a Miami siglando un quinquennale da 90 milioni.
  • Alexis Ajinca firma un quadriennale da 20 milioni di dollari con i Pelicans.
  • Jimmy Butler resta ai Bulls con un accordo quinquennale da 95 milioni di dollari.
  • Tristan Thompson rifirma con i Cavs un quinquennale da 80 milioni di dollari.
  • Kevin Love rimane ai Cavs siglando un quinquennale da 110 milioni di dollari.
  • Brandon Knight resta ai Suns con un accordo quinquennale da 70 milioni di dollari.
  • Tyson Chandler sigla un contratto quadriennale con i Suns da 52 milioni di dollari.
  • Amir Johnson firma con Boston un biennale da 24 milioni di dollari.
  • Kyle Singler resta a OKC con un accordo quinquennale da 25 milioni di dollari.
  • Jonas Jerebko rimane a Boston siglando un biennale da 10 milioni di dollari.
  • Brandon Wright firma un accordo triennale da 18 milioni di dollari con i Grizzlies.
  • Paul Millsap rimane ad Atlanta con un accordo triennale da 58 milioni di dollari.
  • Paul Pierce lascia i Wizards approdando ai Clippers con un triennale da 10 milioni (si pensa che sull’ultimo anno ci sia una team option).
  • Iman Shumpert resta ai Cavs legandosi con un accordo quadriennale da 40 milioni di dollari.
  • Draymond Green resta ai Warriors firmando un accordo da 85 milioni di dollari in 5 anni. 
  • Omer Asik resta a NOLA con un accordo quinquennale a 50 milioni di dollari.
  • Jae Crowder resta a Boston con un quinquennale da 35 milioni di dollari.
 
 
Durante la giornata ci sono state anche due trade
 
La prima ha coinvolto i Sacramento Kings e i ’76ers. Sacramento ha ceduto Stauskas, Jason Thompson, Carl Landy, una prima scelta protetta nel 2018 e il diritto di scambiare le due prime scelte nel 2016 e 2017 a Phila. In cambio ai Kings sono spettati di diritti sulle due seconde scelte di questo draft dei ‘76ers : Gudaitis e Mitrovic. L’intento di questa trade è stato senza dubbio quello, da parte dei Kings, di liberare spazio salariale per arrivare ai tre obbiettivi di mercato : Rondo, Matthews e Ellis.
 
Nella seconda trade, ancora in corso di definizione, i San Antonio Spurs hanno ceduto Tiago Splitter agli Atlanta Hawks. Questo scambio permette a San Antonio di risparmiare gli 8.2 milioni di dollari di contratto di quest’anno del centro brasiliano, spazio liberato per l’assalto finale all’ex Trailblazers Aldridge che sembra vicinissimo alla firma con i texani.
 
Nonostante questa prima giornata così movimentata restano ancora molti giocatori che devono ancora decidere la propria destinazione, qui una tabella riassuntiva della siutazione presa da Twitter :
 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *