Home NBA NBA – I Lakers non perdonano nulla a Doncic e ai Mavs, Thunder privi del Gallo ma corsari a Toronto.

NBA – I Lakers non perdonano nulla a Doncic e ai Mavs, Thunder privi del Gallo ma corsari a Toronto.

0
King James contro Luka Doncic
(Credits: Wagertalk.com)

I Los Angeles Lakers (26-7) mostrano un’ottima amalgama di squadra e, nella notte NBA, non danno scampo ai Dallas Mavericks (21-11) di un Luka Doncic ancora non al meglio (pur mettendo a referto 19 punti e 7 assist), 108-95 il punteggio alla fine. Per i Lakers, 23 di Davis e nel complesso una prova corale di squadra, soprattutto nel mettere la museruola allo sloveno, coperto poco dai compagni – delude Porzingis che ne mette solamente 11. Al monocigliato, si aggiungono i 19 di Caldwell-Pope e 15 di Howard. Per LeBron, doppia doppia con 13 punti e 13 assist.

Un’accoppiata sempre piu’ brillante targata Gilgeous-Alexander e Chrbbis Paul (57 punti in due, con 11 rimbalzi e 8 assist per CP3) permette agli Oklahoma City Thunder (17-15), sempre senza il Gallo, di prendersi la difficile trasferta nella fredda Toronto (22-11) per 98-97. Ai canadesi, con le ottime prove di VanVleet e Lowry (20 a testa) e di Ibbaka sotto il tabellone (12 punti e 14 rimbalzi), non può essere rimproverato nulla – se non il non essere stati in grado di arginare il duo dei Thunder e l’ancora una volta utile Nerlens Noel (13 punti per lui). I Thunder crescono e Billy Donovan si sfrega le mani al pensiero del rientro di Gallinari – anche se quest’ultimo e’ dato potenziale in uscita assieme a Steven Adams.

I New Orleans Pelicans (11-23) si impongono in casa contro dei Houston Rockets (22-11) privi di Westbrook e Capela, ma un Eric Gordon che ne mette 20 (ma solo 4/8 ai liberi!) e un House Jr che ne realizza 22. Hartenstein sostituisce Capela egregiamente con 19 punti e 9 rimbalzi, ma tutto ciò non basta contro il career high di Ball (27 punti conditi da 10 rimbalzi) e la prova da incorniciare di 3/5 del quintetto (detto di Ball, 27 anche per Ingram, 25 Holiday) piu’ il trotterellante E’Twaun Moore dalla panchina (25 punti). Sostanza sotto canestro dai 12 punti e 16 carambole di Favors. Ancora seduto per tutta la partita Nicolo’ Melli.

Solidita’ da vendere nella Mile-High City in Colorado, dove I Denver Nuggets (23-9) hanno la meglio senza troppi affanni dei Sacramento Kings (12-21) con un 120-115 firmato Porter Jr e Barton (19 a testa) inseguiti da Grant (18) e Nikola Jokic (17 per lui con 8 rimbalzi e una giocata da cineteca). Una gara condotta senza patemi da parte dei Nuggets gia’ dalla meta’ del secondo quarto, con un rischioso riavvicinamento dei californiani nel finale, grazie ai 27 di Bjelica e i 20 del solito Hield, coadiuvati da un De’Aaron Fox da 18+13 rimbalzi.

Chiude la nottata la gara dominata dai Memphis Grizzlies (13-21) che sopravanzano per 117-104 degli spenti Charlotte Hornets (13-22). 20 per Dillon Brooks, 18 per Clarke dalla panca e 14+12 rimbalzi per Jackson Jr, mentre Morant si ferma solo a 6. Lato Hornets, poco da segnalare a parte il rookie Devonte Graham (16+10 rimbalzi) ancora molto convincente, e la disarmante arrendevolezza ai non proprio trascendentali Grizzlies – che hanno condotto dall’inizio alla fine la sfida con anche picchi di +20.