NBA – Bargnani super ma New York cade ancora

Quarta sconfitta consecutiva per i New York Knicks (3-5) battuti per 109-106 dagli Houston Rockets (6-4) al Madison Square Garden. Knicks ancora battuti ma in ripresa e autori di una prestazione finalmente da non buttare del tutto con il nostro Mago Bargnani protagonista assoluto al fianco del solito Melo Anthony (45). L’ex Toronto ha brillato con in attacco 24 punti messi a segno (6/9 da 2, 3/3 da 3 e 3/4 ai liberi) ed è stato autore di un’ottima partita anche in difesa dovendo fronteggiare un cliente terribile come Dwight Howard, limitato a soli 7 punti.

Sono gli ospiti a guidare il ritmo, con i Knicks a rincorrere. All’inizio del secondo periodo i Rockets sono avanti 35-25 con la tripla di Beverley. Bargnani e Anthony rimettono in piedi i padroni di casa con un parziale di 13-2 che manda le squadre a riposo sul 52-53. Houston tenta il nuovo allungo con la tripla di Parson e sette punti consecutivi di Harden che portano il punteggio sul 71-63. Ci pensa ancora un’incontenibile Bargnani a rimettere in sesto le cose ed allo scadere del terzo periodo è nuovo -2 (72-74) per New York. L’elastico continua con Lin e Parson che (ri)allungano sull’87-80 ma Hardaway trova il miglior momento possibile per segnare i primi 8 punti della sua gara e la tripla di Bargnani impatta finalmente a quota 91. Con 3 punti da recuperare Melo s’inventa un canestro da tre irreale subendo anche il fallo ma (giustamente) gli arbitri assegnano solo il fallo considerando il tiro non valido. Melo fa 2/2 dalla lunetta ma Harden fa altrettanto e i Rockets portano a casa la vittoria.
New York: Anthony 45, Bargnani 24 + 4 rimbalzi, Smith 15;
Houston: Harden 36, Parsons 22, Lin 21.

Nell’altra gara della serata non riesce il colpaccio esterno degli City Thunder sul campo dei Golden State Warriors. I padroni di casa si aggiudicano l’incontro di misura per 116-115 con 27 punti di Thompson, 22 di Curry e 20 di Lee. Per i Thunder 31, 9 rimbalzi e 5 assist, per un sempre più ritrovato Russel Westbrook, 27 per Ibaka e 20 per Kevin Durant.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *