Esclusiva: Bogdan Bogdanovic spera di costruire qualcosa di importante

Bogdan Bogdanovic
Bogdan Bogdanovic spera di costruire qualcosa di importante a Sacramento – Laura Cristaldi (BasketItaly)

LOS ANGELES – Questa è ormai la terza stagione che, grazie alla presenza di Gigi Datome, raggiunto quest’anno anche da Nicolò Melli, seguiamo da vicino le vicende del Fenerbahçe sia in Eurolega che in campionato per la rubrica “Italy in Europe”. È normale che, dopo tante partite, si inizi a sentire una certa empatia verso la squadra e i giocatori che la compongono o che la componevano, come nel caso di Bogdan Bogdanovic.

Il serbo è stato uno dei principali artefici dei recenti successi ottenuti dalla compagine allenata da Zeljko Obradovic, ed è volato questa stagione in NBA, dove cerca di adattarsi al nuovo campionato in un franchise non certo competitivo, come gli attuali Sacramento Kings.

Abbiamo avuto l’occasione di raccogliere in esclusiva le impressioni della guardia dopo la pesante sconfitta raccolta allo Staples Center contro i Los Angeles Clippers di Danilo Gallinari sabato scorso.

“È stata una brutta sconfitta per noi. È dura giocare così; soprattutto fuori casa facciamo davvero molta fatica. Abbiamo concesso troppi punti facili ai nostri avversari, permettendo loro di avvicinarsi al canestro senza opporre resistenza,” – ha dichiarato il giocatore – “in transizione ci hanno massacrato: sono una squadra esperta, che difende molto bene”.

Bogdan Bogdanovic sta giocando molto anche in posizione di playmaker, e non solo in quella di guardia. È uno dei giocatori più effettivi dell’NBA in quanto a tiri dalla media distanza, ma si ritrova a tirare decisamente meno dalla linea della tripla rispetto a quando giocava in Europa.

Mi trovo bene giocando in qualsiasi posizione nella quale mi schieri il coach. Per me l’importante è trovare una certa continuità in quanto a minuti giocati. In Europa avevo giocato come uno, due o tre, quindi non ci sono problemi, credo di essere pronto a coprire qualsiasi di queste posizioni”.

Il serbo sta ottenendo ottimi numeri nella sua stagione da rookie, con 11.1 punti, 2.9 assist e 2.5 rimbalzi in 26.2 minuti in campo, nonostante il bilancio negativo dei Kings, attualmente ultimi nella West Conference con 13 vittorie e 29 sconfitte: un contesto diametralmente opposto a quello del Fenerbahçe, squadra costruita per vincere.

“Qua è tutto completamente differente dalla realtà alla quale ero abituato, siamo una squadra molto giovane… Anche nel primo anno con il Fenerbahçe avevamo sperimentato diverse difficoltà, con delle serie di sconfitte consecutive, e ricordo che non avevamo vinto nessun titolo. Quindi sono convinto che anche qui terremo duro, cercando di lottare in ogni partita, e spero che a partire da un certo punto le cose si mettano al meglio per noi”.

I Sacramento Kings sono una squadra in piena ricostruzione, e Bogdan Bogdanovic potrebbe essere uno dei pilastri del futuro prossimo di un franchise che sta cercando la sua identità.

“Credo che stiamo costruendo qualcosa di importante, ci credo sempre, ed è da questo che traggo la fiducia: dal crederci sempre”.

446 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *