fbpx

Petrucci rassicura: “Belinelli ci ha detto che sarà presente a Eurobasket. Non vedo perchè debba mancare”

gianni petrucci, fip, fiat, nazionale

La Nazionale, i rapporti con la Lega di Serie A, la querelle FIBA-Eurolega, ma anche i contributi alle Federazioni Nazionali, lo sventurato inserimento nell’elenco ISTAT di alcune Federazioni, la candidatura di Roma e dell’Italia ad ospitare i Giochi Olimpici 2024, i rapporti con il CONI e il suo presidente Giovanni Malagò. Un’intervista intensa per temi affrontati quella rilasciata dal presidente della FIP Giovanni Petrucci alla Gazzetta dello Sport e pubblicata questa mattina. Il presidente Petrucci affronta i diversi argomenti con sintesi pragmatica. Di seguito alcuni stralci.

I rapporti con il presidente del CONI, Giovanni Malagò. «Tutti sperano che io parli male di Giovanni Malagò. Impossibile… deve essere più decisionista, un po’ più alla Petrucci…» E sui contributi CONI alle Federazioni: «Sono stati fissati i parametri, il lavoro è stato eccellente, però i contributi li deve fissare lui e la giunta»

 

Contributi Istat. «Questa è una battaglia da portare avanti col Governo e vincere. Nessuna sentenza sfavorevole mi potrà convincere che federazioni il cui ricavato per l’80% è privato, e solo il restante 20 è pubblico, debbano rimanere in un elenco ISTAT… Ci sono federazioni che non rientrano nell’elenco, quindi significa che qualco­sa si può fare. Occhio, questo non significa non voler pagare»

 

Giochi Olimpici. «Malagò e Renzi hanno fatto benissimo. Un comitato olimpico ha il diritto dovere di chiedere l’Olimpiade. Deve sognare in grande. Il Coni non è un comitato olimpico norma­le, il nostro è il vero ministero dello sport, chi vigi­a sullo sport ha la vigilanza amministrativa sulla legittimità degli atti. Ovviamente il presidente del Coni deve andare d’accordo col Governo e qui non ci sono problemi. Gli scandali? Non riguardano mai la parte sportiva… Roma 2024 è partita col piede giusto, secondo me finirà per avere il progetto più bello, anche se Parigi è una corazzata.»

 

Fiba ed Eurolega. «Non siamo contro l’Eurolega ma nel momento in cui si chiederà una scelta non potremo non stare con la Fiba»

 

I rapporti con la Lega di Serie A. «Oggi c’è grande dialogo. Abbiamo tanti argomenti da sviscerare soprattutto sul problema stranieri-italiani… Le società non vogliono tornare al designatore arbitrale, ma le convincerò che col sorteggio non si può più andare avanti»

 

Europeo e Nazionale e i Giochi di Rio, fondamentali per lo sviluppo del movimento. «Al prossimo Europeo con i 4 NBA siamo tra i più forti… dobbiamo rispettare tutti ma non possiamo certo temere nessuno… Belinelli? Ci ha detto di sì, non vedo perché dovrebbe mancare. Ora lasciamogli giocare i playoff».

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *