FIBAWC – La Polonia dura 24′, Scola e Campazzo guidano l’Argentina alla vittoria.

fiba.basketball

Era la partita per decidere solo che le posizioni in vista dei Quarti di Finale dato che sia Polonia che Argentina erano già qualificate dal Girone I. Contro una delle sorprese della competizione come la nazionale Polacca, è finita 65-91 per la Celeste che è sempre stata avanti praticamente fin dal 1′, la regia di Facundo Campazzo (7 punti, 5 rimbalzi e 6 assist) ha fatto la solita differenza oltre alla sistematica difesa sugli esterni degli argentini che hanno bloccato molte linee di passaggio causando ai polacchi molte palle perse (10 dopo gli iniziali 13′, ben 23 alla fine). Il 39enne eterno Luis Scola ha dato man forte e fatto male agli avversari con 21 punti accompagnati da 6 rimbalzi catturati, così come Garino, Delia e Brussino han dato il loro. Per la Polonia poco da salvare, 16 di A.J. Slaughter e 11 di Gruszecki.

I sudamericani hanno subito iniziato molto bene grazie alla regia di Facundo Campazzo per i suoi due lunghi Delia e Scola, 7-14 dopo 4′. Ma la Polonia rimane a contatto con i liberi di Kulig e la tripla di A.J. Slaughter. Argentina però che comanda le operazioni del 1° quarto sul 14-20 con 10 punti personali di Marcos Delia. Secondo periodo e Nicolas Brussino porta il +11 sul 14-25 dopo 1′ di gioco, time-out coach Mike Taylor. Polonia che continua a perdere palloni (ben 10 dopo 13′) e tira con scarse percentuali con Brussino e Laprovittola che non fanno passare nulla. Ma è 18-27 e l’Argentina però che non scappa causa anche troppi sbagli dalla lunetta (3/8 all’intervallo nella statistica). Prova a dare lo strappo definitivo Gabriel Deck con 4 punti di fila, poi la tripla di Luca Vildoza porta l’Argentina sul 20-37 al 18′, massimo vantaggio per la Celeste. Primo tempo che si chiude 27-42.
La Polonia inizia in fiducia la ripresa con Waczynski e Slaughter a dare il -9 sul 37-46 al 24′. Ma lì la nazionale europea si ferma, l’Argentina aumenta la pressione difensiva e scappa definitivamente: è Patricio Garino a dare con 9 punti consecutivi l’inizio del terribile mega-parziale di 2-24 che fa male alla squadra polacca in totale rottura prolungata, e in cinque minuti l’Argentina si porta sul 39-70 con El Facu Campazzo a dare spettacolo in regia e nelle entrate a canestro, 41-70 dopo 30′ e partita abbondantemente chiusa in anticipo. Ultimo quarto totalmente di garbage time, il coach della Celeste Segio Hernandez fà ruotare i suoi giocatori in vista dei Quarti come così fà lo stesso coach Mike Taylor. Nulla da segnalare fino al termine del match che finisce 65-91.

VENEZUELA – RUSSIA 60-69 (10-13; 27-27; 42-48)

Nell’altra partita del Girone I, la Russia ha superato il Venezuela in una gara senza valori di classifica, 60-69 il finale, e ha terminato il raggruppamento al 3° posto.
Per il Venezuela sono 19 con 10 rimbalzi di Michael Carrera, 13 di Jhornan Zamora. Nella Russia 17 punti per Andrey Vorontsevich con 9 rimbalzi e 5 assist, 12 con 8 rimbalzi per Nikita Kurbanov e 12 per Grigory Motovilov.

Classsifica finale Girone I: ARGENTINA 10, POLONIA 9, Russia 8, Venezuela 7.

Argentina e Polonia ai Quarti di Finale, Russia e Venezuela eliminate.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata