fbpx

FIBA – World Champion. Women: Rivelazione Turchia. Bene la Spagna, Repubblica Ceca, Australia e Usa.

Seconda giornata di partite al Mondiale di Basket Femminile in Turchia, dove le turche continuano a emozionare. La Spagna vince contro un Brasile privo di stimoli e strategie, mentre la Repubblica Ceca e l’Australia impongono un bel gioco. Usa sempre vincente continua la corsa verso il podio.

 

 

[Photo: Fiba.com]

 

 

FOCUS:

[Gruppo B]

 

Canada-Turchia 44-55 (17-17, 22-24, 31-31, 44-55)

 

La Turchia per ora è la rivelazione del Mondiale e dopo la seconda giornata di gioco è il primo Team a qualificarsi nei quarti di finale. Questa squadra non ha mai partecipato ad un mondiale e ha enormi aspettative anche per il fatto che gioca in casa. I tifosi turchi coccolano le loro giocatrici come mai hanno fatto. E’ evidente che il coach Ceyhun Yildizoglu ha scelto un gruppo basandosi su criteri ben precisi sapendo il tipo di impresa che dovevano compiere. Può essere presto per parlare ma fino ad ora ogni opportunità è stata colta al volo senza nessuno spreco. Sanders (18), Yilmaz (13), Palazoglu (8), Vardarli (7) e Alben (6) giocano in rilievo e quest’ultima è oramai il simbolo della speranza, dopo la splendida chiusura di ieri.

In questa partita il primo e il terzo periodo vede le squadre chiudere in pareggio, mentre nel secondo la Turchia chiude a +2. Il quarto periodo è tutto per la Turchia e fermarla è un desiderio impossibile. Le canadesi Gaucher (9), Plouffe (9) e Langlois (5) non spingono abbastanza e la vittoria delle turche non si fa attendere.

La Turchia in campo piace, c’è un progetto che vale e gli stimoli sono evidenti e concreti. Godiamoci quello che c’è stato e attendiamo quello che verrà.

 

 

Canada: Gaucher 9, Plouffe 9, Ayim 6, Fields 6, Langlois 5, Thorburn 5, Tatham 4,

Turchia: Sanders 18, Yilmaz 13, Palazoglu 8, Vardarli 7, Alben 6, Tuncluer 3

 

GRUPPO A:

 

Repubblica Ceca – Giappone 71-57 (18-16, 33-38, 53-51- 71-57)

 

Partita interessante tra le ceche e le giapponesi. E’ proprio il Giappone a partire con il piede giusto e nei primi tre periodi tiene il passo con le avversarie. Ma il quarto periodo vede un risveglio della Repubblia Ceca che non risparmia più nulla. Kulichova (19) trascina la squadra con Elhotova (18), Burgrova (13) e Bartonova (11) che non si fanno intimorire dalla determinazione di Miyamoto (16) e Tokashiki (10). Lo spirito in campo delle giapponesi però, incanta. Il vantaggio della Repubblica Ceca è evidente negli ultimi minuti e non lascia spazio ad un colpo di scena, vincendo 71-57.

 

Repubblica Ceca: Kulichova 19, Elhotova 18, Burgrova 13, Bartonova 11, Vesela 4, Viteckova 4, Hanusova 2,

Giappone: Miyamoto 16, Tokashiki 10, Takda 7, Mamiya 6, Oga 6, Kurihara 5, Kudeken 4, O 3

 

Spagna – Brasile 83-56 (12-13, 41-26, 61-40, 83-56)

 

Partita a ritmo latino tra Spagna e Brasile dove abbiamo visto le spagnole indecise nel primo periodo e poi molto cariche fino a fine partita. Il Brasile non convince e Souza (12) e Santos (9) non sono al livello delle spagnole Lyttle (15), Torrens (15) e Cruz (13). La difficoltà delle brasiliane arriva dal secondo periodo, dove la Spagna inizia a ballare, fino a vincere con un bel risultato di 83-56.

 

Spagna: Lyttle 15, Torrens 15, Cruz 13, Nicholls 10, Martinez 8, Xargay 6, Gil 6, Dominguez 4, Palau 4, Pascua 2

Brasile: Souza 12, Santos 9, Pacheco 8, Pinto 7, Ramona 5, Paixao 4, Colhado 4, Teixeira 3, Coelho 2, Dantas 2,

 

GRUPPO B:

 

Francia – Mozambico 89-45 (20-13, 47-21, 71-31, 89-45)

 

Skrela (8) da il via alla partita segnando i primi punti, con Dongue (18) che cera di mantenere il passo. Il primo periodo non mostra colpi di scena, ma nel secondo sono le francesi con Salagnac (13) e Gruda (19) che alternano il gioco portandosi in vantaggio. Il terzo e quarto periodo vede la fuga della Francia e un Mozambico offuscato, pur fiero di essere in campo. Tutto facile per le francesi che chiudono la partita 89-45

 

Francia: Gruda 19, Salagnac 13, Ciak 12, Tchatchouang 12, Cata-Chitiga 8, Skrela 8, Lardy 5, Tanqueray 5, Amant 4, Dumerc 2, Gomis 1

Mozambico: Dongue 18, Ngulela 10, Cossa 3, Halar 3, Gimo 3, Muianga 3, De Azinheira 2, Mafanela 2

 

 

 

GRUPPO C

 

Australia- Korea 87-54 (25-9, 45-22, 66-37, 87-54)

 

L’Australia sta giocando un buon mondiale, trascinata da Hodges (14) e Taylor (11), mentre la Korea fa fatica ad ingranare e Kim (17) non basta. Le australiane si impongono in estremo vantaggio già dal primo periodo e le coreane non riescono più ad ingranare una partita impossibile da recuperare. Si chiude con il risultato di 87-54 per l’Australia.

 

Australia: Hodges 14, Snell 13, Tolo 13, Taylor 11, Burton 10, Lavey 8, Allen 5, Phillips 4, Francis 4, Mitchell 2, Jarry 2, Richards 1.

Korea: Kim 17, Lee 11, Hong 10, Choi 8, Kang 4, S.Kim 2, Park 2

 

Belarus – Cuba 70-69 (15-22, 35-37, 50-56, 70-69)

 

Il Bielorussia è una squadra molto brava a crearsi grandi difficoltà. Il Cuba è deciso per la vittoria e sembra facile distruggere la prospettiva delle avversarie. Leuchanka (20) con Snytsina (18) sono i pilastri del Bielorussia che però contro le cubane Oquendo (19) e Amargo (18) non hanno gioco facile. Cuba vince i primi tre periodi e perde la partita solo per un “maledetto” punto, messo in canestro da Snystina a 14 secondi dalla fine. Risultato finale 70-69 per il Belarus.

 

 

Belarus: Leuchanka 20, Snytsina 18, Likhtarovich 12, Papova 12, Drozd 3, Anufryienka 3, Troina 2

Cuba: Oquendo 19, Amargo 18, Povea 10, Gelis 6, Avila 5, Cepeda 4, Noblet 4, Romero 3

 

 

GRUPPO D

 

Angola – Cina 39-65 (10-15, 15-30, 27-52, 39-65)

 

Partita senza grandi pretese quella di Angola-Cina che ha visto le cinesi giocare senza nessuna difficoltà. Mauricio (18) si scontra contro la dinamicità delle cinesi, trainate da Shao (14), Gao (11) e Chen (7) e c’è poco da fare quando si gioca in solitaria. La Cina domina ogni periodo e chiude la partita 39-65.

 

Angola: Mauricio 18, Guadalupe 7, Golome 4, Filipe 4, Eusebio 3, Tomas 2, Manuel 1

Cina: Shao 14, Gao 11, Chen 7, Ji 6, Sun 6, Li 4, Yang 3, Huang 3, Lu 2, H.Huang 2, Zhang 2

 

Usa -Serbia 94-74 (17-21, 49-42, 70-64, 94-74)

 

La statunitense Taurasi (20) e la serba Dabovic (24) trascinano le loro squadre e se le americane concedono il primo periodo alla Serbia, gli altri tre impongono la superiorità del gioco USA che conosciamo bene tutti. Moore (10) e Griner (10) equilibrano la partita facendo anche attenzione ad un ottima Milovanovic (17). Il vantaggio Usa una volta iniziato non si arresta. Ottima la Serbia che però si inchina al potere assoluto delle avversarie che vincono 94-74.

 

Usa: Taurasi 20, Moore 17, Griner 10, Charles 10, Whalen 8, Augustus 8, Bird 7, Dupree 7, Ogwumike 5, Mccoughtry 2

Serbia: Dabovic 24, Milovanovic 17, M. Dabovic 12, Ajdukovic 10, Butulija 6, Cado 3, Radocaj 2

 

Giornata di riposo quella di lunedi 29 settembre 2014.

La terza giornata di gioco sarà martedi 30 settembre con il seguente programma:

 

Ore 14,00: Gruppo A: Brasile-Giappone

Ore 14,15: Gruppo D: Serbia-Cina

Ore 16,15: Gruppo A: Spagna- Repubblica Ceca

Ore16,30: Gruppo C: Australia-Belarus

Ore 19,00: Gruppo B: Mozambico-Turchia

Ore 19,15: Gruppo C: Korea-Cuba

Ore 21,15: Gruppo B: Francia-Canada

Ore 21,30: Gruppo D: Usa-Angola

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *