BCL – Txus Vidorreta: “La Champions League è sempre più vicina all’EuroCup”

Txus Vidorreta Iberostar Tenerife
Txus Vidorreta (coach Iberostar Tenerife) – Laura Cristaldi per BasketItaly

VALENCIA – Sabato a Valencia, in occasione della 28ª giornata del campionato spagnolo di ACB, si sono trovate faccia a faccia il Valencia Basket di Jaume Ponsernau, fresco vincitore dell’Eurocup, e l’Iberostar Tenerife di Txus Vidorreta, che tra due settimane cercherà di proseguire la supremazia delle squadre spagnole in competizioni europee in occasione della Final Four di Champions League, in programma ad Anversa.

La sfida è stata vinta dai padroni di casa per 88-73 e proietta i taronja, con i compiti portati a termine e la partecipazione alla prossima Turkish Airlines EuroLeague già assicurata, al quarto posto in campionato, proprio dopo le tre squadre con licenza A per la massima competizione europea e ora impegnate ai Playoff (Barça, Real Madrid e Baskonia). L’Iberostar, dal canto suo, è al momento nona e in lotta per la post-season: BAXI Manresa, Divina Seguros Joventut, Tecnyconta Zaragoza, il MoraBanc Andorra di Michele Vitali e il San Pablo Burgos sono tutte rivali dirette della compagine delle Canarie per aggiudicarsi un posto tra le prime otto.

In ogni caso, la testa di Txus Vidorreta e dei suoi sembra in questo momento proiettata verso l’importante impegno europeo.

“L’ultimo mese ci ha condizionato molto. Ci hanno condizionato le quattro competizioni disputate. Abbiamo registrato una striscia negativa di risultati in campionato, però nello stesso momento abbiamo giocato la semifinale di Copa del Rey, siamo stati capaci, con tre giocatori molto importanti per la nostra squadra, di aiutare la nazionale spagnola a qualificarsi per i mondiale, e ci si siamo qualificati per le Final Four“.

“Abbiamo sofferto parecchi infortuni,” – ha continuato Vidorreta – “però ora stiamo recuperando tutti e abbiamo due settimane per rimetterci in sesto prima della Final Four. Quando hai una rosa di livello medio e devi affrontare tanti impegni, oltretutto con successi in parecchi di questi, arriva il punto nel quale diventa difficile, se non hai una rotazione completa a disposizione”

A cinque giorni del successo del Valencia Basket in 7DAYS Eurocup, abbiamo chiesto al coach dell’Iberostar Tenerife se considera che la Champions League, dove ci sono state squadre del calibro do AEK Atene o Hapoel Jerusalem eliminate ai quarti, si stia avvicinando al livello della seconda competizione europea.

“Credo che la Champions sia sempre più vicina all’EuroCup. Evidentemente, la competizione che abbiamo vissuto e vinto due anni fa era più lontano rispetto a quella di ora. Per quanto riguarda le squadre di livello medio credo che ci troviamo a un livello similare, però è vero che ci sono quattro/cinque squadre di EuroCup che sono outsider per stare in Eurolega, e il Valencia Basket è una di queste, che si trovano abbastanza più avanti delle squadre che stiamo aspirando a vincere la Champions”.

“Certo è che qualcuno di questi potrebbe vincere: l’Hapoel aveva lottato fino alla fine contro il Valencia Basket due anni fa ed è stato campione dell’EuroCup, pero credo che ancora delle squadre top che aspirano all’Eurolega e stanno in Eurocup si trovano un punto avanti. In ogni caso, se consideriamo le squadre già nominate, o il Bamberg, o l’ASVEL che quest’anno è caduto ai quarti di EuroCup e non era andato oltre ai quarti di Champions, possiamo dire che si tratta di una competizione comunque molto esigente, credo che tutte e due si trovano a un alto livello… Mi piacerebbe che si potesse convergere in qualche modo, ma questo non dipende da me…”.